ALBABRAScuola

Educazione sessuale a scuola: Ad Alba e Bra arrivano i tutor preparati dai corsi promossi dal Forum Famiglie

Nelle Scuole di Alba e Bra entrerà in punta di piedi anche l’educazione sessuale. Una materia mai considerata nella nostra programmazione didattica, in quando osteggiata da un certo numero di genitori, non sempre propensi ad accettare per i loro pargoli lezioni su un un argomento così complesso come il sesso. Occorre puntualizzare, tuttavia, che l’Italia è tra i pochi paesi dell’Unione Europea a non prevedere l’insegnamento dell’educazione sessuale tra i banchi di scuola come materia obbligatoria. A farci compagnia in questa scelta intransigente sono la Bulgaria, Cipro, la Lituania, la Polonia e la Romania. Qualche piccolo passo avanti lo stiamo tuttavia compiendo, almeno su scala locale. Negli Istituti del nostro territorio faranno adesso la loro comparsa una trentina di Tutor, preparati al ruolo educativo che dovranno svolgere grazie ad un progetto promosso dal Forum Famiglie di Cuneo.

Si tratta di insegnanti di scuole superiori che hanno seguito il corso di formazione del metodo Teen Star (Sexuality Teaching in the context of Adult Responsibility), che tradotto significa: “educazione sessuale in un contesto di responsabilità a­dulta”. «Sono state due giornate di lavoro incessante, con tanto di simulazioni di lezioni e attività concrete – hanno spiegato i docenti partecipanti -, che grazie alla presenza dei qualificati docenti dell’associazione Nazionale Teen STAR, hanno visto uno scambio di esperienze, professionalità e creatività tra vecchi e nuovi tutor in un clima a dir poco coinvolgente. L’impressione era di entrare in una vera classe di adolescenti, trovandosi così di fronte alle loro domande, perplessità e dubbi, ma anche alle loro trasparenze, passioni e sogni». Teen Star è un percorso di formazione all’affettività dedicato agli adolescenti ideato negli anni Ottanta dalla ginecologa statunitense Hanna Klaus.

E’ un metodo induttivo, che propone ai ragazzi e alle ragazze un percorso che inizia dalla conoscenza dei ritmi biologici del proprio corpo, per far emergere poi le loro riflessioni e aiutarli nell’analisi. «Ora saranno tanti i tutor attivi che cominceranno a lavorare sul campo con i ragazzi delle scuole del nostro territorio – precisano gli organizzatori del Forum Famiglie -. Ognuno di loro porterà ai ragazzi che incontrerà in classe le sue conoscenze, ma anche l’esperienza vissuta con gli altri tutor in questi giorni, che ha arricchito il bagaglio umano di ciascun partecipante. L’obiettivo è quello di entrare in empatia con i ragazzi, aiutandoli ad eliminare pregiudizi e preconcetti per affacciarsi in maniera corretta al mondo della sessualità».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button