BRALettereRUBRICHE

Bra, l’allarme della Lega: insufficienti gli aiuti per la ripresa delle imprese

BRA – Le ripercussioni dell’emergenza pandemica sono sotto gli occhi di tutti, anche in
relazione al considerevole impatto socio-economico e finanziario.
Purtroppo di tali effetti ne sta risentendo in maniera importante anche il tessuto
economico braidese, con possibili conseguenze correlate anche al decremento del gettito
delle principali voci della fiscalità locale. Come Consiglieri, in varie sedi lo abbiamo già
fatto notare più volte, a partire dall’inarrestabile emorragia di attività commerciali
braidesi, cuore della città, che alcuni si ostinano ancora a negare o bollare come ‘vecchie
chiusure’.
Fatte queste premesse, come gruppo consiliare Lega torniamo a chiedere
all’Amministrazione azioni concrete e di contenimento della crisi per far ripartire
l’economia, aiutando il tessuto economico territoriale, le attività produttive e le famiglie
in maggiore difficoltà.
In risposta, l’Amministrazione, nell’ultimo Consiglio Comunale, ha destinato 400.000€
dell’avanzo di Amministrazione libero, non vincolato, distribuendoli per il 50% come
aiuto alle famiglie e per il restante 50% alle imprese e alla “sedicente” ripresa.
Ora, mentre l’intervento per le famiglie lo riteniamo giusto, corretto ed opportuno, non
altrettanto possiamo affermare per gli interventi destinati alle imprese.
Infatti 200.000€ per le imprese, distribuiti in una maniera non troppo mirata, discutibile
ed improbabile, secondo il nostro modesto parere sono un pò pochi e del tutto ininfluenti
e poco lungimiranti per l’obiettivo che ci si propone: indubbiamente insufficienti per
un’Amministrazione che dovrebbe avere a cuore l’ambizione di far ripartire l’economia
locale ed aiutare la libera impresa.
L’Amministrazione sta perdendo un’occasione per poter veramente aiutare il sistema
produttivo cittadino. Purtroppo undici anni di Giunta di sinistra lasciano un segno
indelebile nel tessuto braidese e lo si vede dagli stanziamenti per la competitività
economica di bilanci ‘normali’, non soggetti a limitazioni pandemiche: l’ultimo caso fa
riferimento al bilancio 2020, su cui nel 2019 la Giunta ha stanziato lo 0,1% della spesa
corrente del bilancio, pari a 37.400 €, per lo sviluppo economico e la competitività
braidesi dell’anno corrente. Al lettore il giudizio sull’adeguatezza degli stanziamenti….
Bilanci poco ambiziosi, come viceversa succede in cittadine limitrofe (ad es. Alba) ed
una programmazione che purtroppo non può essere definita “vivace”. Apprezziamo lo
sforzo e l’impegno, ma le somme stanziate per la parte “AIUTO ALL’IMPRESA” sono
assolutamente insufficienti per dare linfa all’impresa e far ripartire il tessuto economico
e produttivo braidese, che ha subito un durissimo colpo dal covid-19.
E’ preoccupante che si perseveri nel dimostrare che tutto procede bene, nonostante
l’evidenza dei fatti dicano il contrario, quasi si tenda a nascondere la realtà cittadina. A
poco servono le auto-celebrazioni: i cittadini e soprattutto gli imprenditori attendono i
fatti.

Consiglieri Comunali gruppo Lega – Salvini Premier
Luca Cravero
Marco Ellena
Giuliana Mossino

Mostra altri

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Apri chat