Donne e cibo: binomio storico in una conferenza con l’Unisg

La storia delle donne e quella del cibo s’intrecciano nei secoli e permettono di capire parecchi fenomeni del tempo in cui viviamo. Per esempio, come e perché si è fissata nel tempo una relazione delle donne con il cibo fondata sul consumo misurato di esso e sull’affidamento a cibi e pozioni della risoluzione di problemi inquietanti. Si può risalire ad antiche ribellioni femminili a un destino non voluto, manifestate tramite il digiuno, e tentare di capire come hanno fatto gli uomini a mantenere il prestigio in campo culinario assumendo i ruoli di cuochi di corte e di grandi cucinieri e lasciando alle loro mogli e alle donne in generale l’onere della preparazione dei pasti di tutti i giorni. Questo tema sarà affrontato domani, mercoledì 6 febbraio, al centro polifunzionale “Arpino” di Bra.

Qui interverrà la prof.ssa Maria Giuseppina Muzzarelli, ordinaria al Dipartimento di Storia Culture Civiltà di Bologna, dove insegna Storia medievale e Storia del costume e della moda. L’incontro, con inizio alle 17.30, fa parte di un ciclo di conferenze organizzate dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Unisg) su cibo e genere e che in parte saranno tenute a Bra invece che all’ateneo.

L’incontro è aperto al pubblico e a ingresso gratuito.

Nuotare in una grande laguna affacciata sulle colline del Roero. E’ l’esperienza che offre la piscina estiva di Montà, che dallo scorso anno si è arri...
Nuotare in una grande laguna affacciata sulle colline del Roero. E’ l’esperienza che offre la piscina estiva di Montà, che dallo scorso anno si è arri...
X