dal PiemonteEconomia & Lavoro

Domani in Piemonte via ai saldi invernali in un clima di incertezza

Le ormai annose incertezze e preoccupazioni legate alla pandemia di Covid con la stangata del “caro bollette” esploso a inizio 2022 portano i piemontesi a contenere la disponibilità allo shopping per i saldi, in partenza domani, mercoledì 5 gennaio. La previsione di Confcommercio e Confesercenti, le maggiori organizzazioni del settore, è che in media ogni famiglia spenderà al massimo 200 euro.

I più ricercati tra gli sconti si confermano i capi di abbigliamento pesante, giacconi e giubbotti, tallonati in questa speciale classifica dalle scarpe. Le signore sognano una nuova borsa, magari firmata da qualche stilista. Sempre richiesti profumi e accessori, tecnologia e complementi per la casa.

Nei primi giorni il taglio dei listini sui vestiti per lo più si assesterà tra il 20 e il 40%; alcune catene e singoli esercizi dichiarano di voler da subito dimezzarli per arrivare quindi un po’ ovunque a punte del 70% di riduzione nel corso delle 8 settimane di vendite promozionali autorizzate. 

La presidente di Confcommercio Piemonte, Maria Luisa Coppa: «Nonostante i timori per il quadro economico e sanitario i saldi sono ancora una buona opportunità per i consumatori e per gli operatori, che rinunciano ai margini di guadagno nell’auspicio di aiutare a ritrovare una stabilità di cui tutti abbiamo bisogno».

Giancarlo Banchieri, presidente Confesercenti: «Purtroppo la rapida diffusione della variante Omicron del coronavirus e gli aumenti delle bollette di gas e luce, che generano inflazione e costringono le famiglie e rivedere le loro priorità di spesa, rischiano di minare la fiducia dei consumatori e di azzoppare la ripresa. Speriamo che i consumatori sapranno cogliere questa occasione di risparmio».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button