dal PiemonteAttualità

Distrutto dai vandali il pianoforte di Porta Nuova: si spegne la musica nella stazione di Torino

TORINO – Dal 2015 intratteneva torinesi e turisti che passavano dalla stazione principale di Torino, era diventato ormai un simbolo, il pianoforte di Porta Nuova.

Ma nelle ultime settimane è stato preso d’assalto. Danneggiato, smontato, deturpato. Tanto da renderlo inutilizzabile e, infine, riportarlo in magazzino in attesa della riparazione.

La decisione di rimuovere il pianoforte di Porta Nuova è stata presa lo scorso 5 ottobre. Alcuni agenti della Polizia insieme alle guardie giurate hanno fermato un senzatetto privo di documenti che stava colpendo violentemente lo strumento. Un colpo di grazia che ha posto fine alla musica in stazione. Ora, chissà se il pianoforte che ha fatto sognare tanti passanti tornerà. La speranza è quella di rivederlo almeno per il periodo natalizio, quando a Porta Nuova arriverà il tradizionale albero di Natale.

Anche perché resta una delle attrazioni più amate da chi passa dalla galleria commerciale di Porta Nuova per prendere il treno o semplicemente per fare shopping.

Ma i conti potrebbero essere molto salati, molti elementi dello strumento sono andati distrutti e sarebbero da sostituire. A seguire la riparazione sarà Andrea Restagno, la cui famiglia si occupa del restauro di pianoforti da generazioni. Si pensa, soprattutto, a come proteggerlo in futuro: magari mettendolo sopra un palchetto rialzato e riparato da alcune staccionate, per renderlo meno esposto agli atti vandalici più comuni. Una proposta che lo valorizzerebbe anche alla vista dei passanti della stazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button