Dal Texas a Fossano per insegnare inglese

Dal Texas a Fossano per insegnare inglese
Nella foto: Tristan Davis è una ragazza americana che affiancherà fino ad aprile i docenti dell’IIS Vallauri per potenziare l’apprendimento della lingua inglese degli studenti.

FOSSANO – La 30enne Tristan Davis, ragazza texana di Houston, assisterà i docenti dell’IIS Vallauri di Fossano fino al mese di aprile. Sono arrivati il 29 gennaio i 21 ragazzi stranieri che hanno preso parte al Teacher Assistant Program promosso da WEP – l’organizzazione internazionale di scambi culturali e linguistici nel mondo – e dall’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, che ha coinvolto in sei anni più di 15.000 studenti e circa 200 istituzioni scolastiche in Italia. Il progetto è volto a potenziare il livello di apprendimento in classe delle lingue straniere nelle scuole. I teachers, che supportano i docenti durante l’orario scolastico, offrono agli alunni l’opportunità di entrare in contatto con un diverso approccio all’insegnamento e di conoscere in modo diretto curiosità e particolarità del paese straniero di cui studiano la lingua. Il programma, della durata di tre mesi, è rivolto alle scuole primarie, secondarie di primo e di secondo grado.

 

Grazie al programma, ragazzi che provengono da tanti paesi sparsi nel mondo vengono inseriti nelle scuole per affiancare, per un periodo di dodici settimane, gli insegnanti di lingua ed eventuali altri colleghi durante le lezioni. A questo proposito Tristan non nasconde il suo entusiasmo: “Questa nuova esperienza sta andando veramente bene! Essere immersi in una nuova cultura e sperimentarla in prima persona è incredibilmente stimolante. Questa è la mia prima esperienza di insegnamento e finora mi sto divertendo molto. Mi sento molto a mio agio con gli studenti e mi piace vedere la loro curiosità nel voler interagire con qualcuno che viene dagli Stati Uniti, pronti ad imparare tutto riguardo alle differenze e alle somiglianze tra le nostre culture. Ho scelto di prendere parte a un programma di insegnamento perché volevo fare qualcosa che facesse la differenza. Investire nel futuro degli studenti è una grande responsabilità, ma l’ho trovato molto gratificante e stimolante. Ho scelto l’Italia perché è un paese che mi è sempre interessato esplorare e sono molto felice di averlo fatto”.

 

L’iniziativa, collocata nell’ambito delle “Linee di indirizzo sulla mobilità studentesca giovanile”, permette di far convergere esigenze didattiche e organizzative senza costi aggiuntivi per le istituzioni scolastiche. Una grande occasione per gli alunni dell’ISS Vallauri di perfezionare lo studio della lingua inglese attraverso un metodo particolarmente coinvolgente anche per la teacher stessa: “Ci sono molte differenze che ho notato tra il sistema scolastico negli Stati Uniti e quello in Italia. Qui le scuole superiori sono divise in diverse specialità come ad esempio, licei, professionali ecc. Negli Stati Uniti sono tutte ‘uguali’ e lo studente sceglie la scuola più vicina a casa tua. Negli USA c’è anche più attenzione alle attività extra-curriculari come gli sport, mentre in Italia l’obiettivo principale per gli studenti è il lavoro e lo studio dei corsi”.

 

Il Teacher Assistant è partito come progetto “pilota” nel settembre 2013, con l’arrivo dei primi giovani assistenti. La collaborazione tra un’organizzazione privata e un’istituzione pubblica, insieme alla gratuità del progetto, è risultata vincente. I giovani insegnanti, di madrelingua inglese, francese, tedesca e cinese, sono selezionati da WEP, mentre le scuole provvedono ad organizzare l’ospitalità in famiglia dei teachers.

 

Contatta l'autore

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Ti potrebbero interessare anche:

Apri chat
Powered by