Dal Dada al Surrealismo: ad Alba una collettiva da sogno

177
Grande evento in Strada di Mezzo. Alla Fondazione Ferrero arriva la mostra “Dal nulla al sogno”

Sarà collettiva, multimediale, avrà per titolo “Dal nulla al sogno” e racconterà il passaggio dal movimento Dada alle suggestioni del Surrealismo: la nuova proposta culturale “griffata” Fondazione Ferrero è stata presentata giovedì 12 aprile nel salone multimediale della sede di Strada di Mezzo. L’appuntamento biennale con la grande arte si aprirà a ottobre con l’inaugurazione ufficiale e resterà aperto sino alla fine di febbraio 2019.

La mostra sarà una esposizione collettiva, di diversi autori e di diversi periodi, in cui si intrecceranno personalità differenti e in cui si racconterà la storia di movimenti artistici rappresentati da opere straordinarie, ma anche da documenti teorici, manifesti, testi provocatori.

“Dal nulla al sogno” sarà un viaggio alla scoperta, in chiave multimediale, della parentesi artistica compresa tra il movimento “Dada” e il Surrealismo. Un impegno molto complesso che è stato organizzato grazie alla collaborazione del  Museo Boijmans – Van Beuningen di Rotterdam, che metterà a disposizione i “pezzi” di una delle più importanti collezioni al mondo dedicate al Surrealismo e all’arte concettuale.

La presentazione, alla quale ha preso parte la signora Maria Franca Ferrero, ha visto sul palco della Fondazione Piero Bianucci e il curatore dell’evento Marco Vallora.

Pur con la consegna rigorosa di svelare pochissimi dettagli sul lavoro, il professor Vallora ha anticipato che l’esposizione sarà un avvenimento nel quale il tema storico della genesi del Surrealismo sarà affrontato non solo attraverso il percorso espositivo ma si avvarrà anche di testi, musica, sculture e film. Tra gli artisti le cui opere saranno in catalogo corre l’obbligo di citare Hans Arp, Giorgio de Chirico, Salvador Dalì, Paul Dellvoux, Marcel Duchamp, Renè Magritte, Joan Mirò, Man Ray e Yves Tangui.