Come da tradizione, in questo periodo dell’anno gli scaffali dei negozi e dei supermercati traboccano di panettoni. Tradizionali, farciti, grandi, piccoli, colorati che occhieggiano ai clienti, mostrandosi in tutto lo splendore delle loro confezioni. Ma c’è panettone e panettone, e per un consumatore poco attento è facile cadere nella tentazione sbagliata…

Quanti di questi dolci, simbolo del nostro Natale, sono preparati in maniera assolutamente naturale? Quanti utilizzando esclusivamente prodotti biologici, senza tracce di pesticidi e prodotti chimici, con il lievito madre, una lavorazione di 50 ore e frutta candita che non è altro che…. vera frutta candita? Pochi. Forse soltanto uno. Il panettone biologico sfornato dai laboratori di Guarene dell’azienda Dacasto.

«Questa è sempre stata la nostra filosofia aziendale: realizzare panettoni, fette biscottate, colombe, muffin e tanti altri prodotti da forno in modo totalmente e assolutamente naturale. E la differenza si sente tutta».

Ad illustrare con orgoglio la scelta in chiave “naturale” della dinamica azienda roerina è lo stesso titolare, Enrico Dacasto. «Fin dall’inizio della nostra attività abbiamo fatto un ragionamento molto semplice: per avere prodotti naturali ed eccellenti dobbiamo partire da materie prime naturali ed eccellenti. Nessun ingrediente chimico, nessun aroma artificiale, nessun adiuvante tecnologico, nessun tipo di monodigliceridi, o cose simili largamente usati nell’industria. Solo ingredienti semplici, genuini, naturali.
La maggior parte dei panettoni che oggi si trovano in commercio è preparata con l’aggiunta di una serie di prodotti di sintesi, che a norma di legge vengono fatti rientrare nelle generiche definizioni di emulsionanti e aromi, come ad esempio gli antimuffa o una serie di prodotti chimici che servono a mantenere il prodotto morbido o conservabile più a lungo. «La differenza con un prodotto al 100% naturale – spiega ancora Enrico Dacasto – non riguarda solo la qualità del prodotto e la sua digeribilità, ma anche, e soprattutto, il gusto. Chi assaggia i nostri panettoni percepisce al palato tutto il sapore più autentico degli ingredienti di partenza. E questo riguarda anche la frutta candita. Ai consumatori che mi dicono di non gradirla, rispondo che probabilmente non hanno mai avuto modo di assaggiare in un panettone la “vera” frutta candita. Dall’arancio, alla pera, alla pesca, preparata partendo da frutta fresca biologica naturale al 100%. E a questa certosina attenzione nella scelta degli ingredienti, corrisponde un’analoga attenzione in tutte le fasi della lavorazione: dalla preparazione del lievito madre al confezionamento, ogni nostro panettone segue una scrupolosa lavorazione di almeno cinquanta ore».

Sicuramente ben spese a giudicare dalla bontà del prodotto finale. Una qualità che è stata anche verificata e certificata dai più prestigiosi riconoscimenti internazionali. L’ultimo, in ordine di tempo, l’assegnazione di tre Golden Sters all’International Taste & Quality Institute: 125 esperti e chef stellati Michelin, degustando prodotti alla cieca, hanno premiato con il massimo riconoscimento il panettone biologico Dacasto.
Ma l’azienda roerina non produce soltanto panettoni. La stessa cura, la stessa attenzione nella scelta degli ingredienti accompagna anche le lavorazioni dei diversi marchi aziendali: “Alta pasticceria italiana”, “Colline di Langa”, “+Bio” e “Bombi”.


Conclude Dacasto: «Non bisogna essere esperti gourmet od intenditori per capire la differenza tra un prodotto naturale ed uno che non lo è: è sufficiente assaggiarne una fetta, per capire immediatamente che si tratta di un prodotto eccezionale, fuori da ogni paragone. I nostri clienti lo sanno bene, ed è questa la nostra soddisfazione più grande».

DACASTO

Guarene – Corso Asti, 2/M – Tel. 0173.01.01.10

WEB: www.dacasto.com

Contattaci: info@dacasto.com