Crisi Trony: c’è un possibile acquirente

C’è anche il marchio Trony e in particolare i 35 punti vendita italiani gestiti dalla Dps tra le vittime dell’e-commerce. La vertenza dei 23 dipendenti albesi e braidesi sorpresi dalla chiusura dei magazzini dipende ora dalla determinazione con cui il Ministero dello Sviluppo Economico (Mise) si batterà per trovare un compratore intenzionato a subentrare salvando, in tutta Italia, 500 posti di lavoro, 90 dei quali in Piemonte. In questo senso una piccola luce è arrivata nell’incontro svoltosi nella scorsa settimana. Un possibile acquirente ci sarebbe (indiscrezioni portano a Unieuro), ma riguarderebbe soltanto 8 punti-vendita, e non è dato sapere se tra questi rientrino quelli di Alba, Bra e Cuneo.