CORONAVIRUSBRADal CuneeseSanità

Coronavirus, la situazione nelle Sette Sorelle della Granda

Un anno fa di questi tempi Bra contava un solo positivo al Covid mentre oggi sono 158, il 38,6% in più di 7 giorni fa; il tasso di positività ogni cento residenti è 5,33. Numeri impressionanti che tuttavia sembrano interessare più a nessuno. La pandemia è ben lungi dall’essere sconfitta ma è come se fosse un traguardo già archiviato. Un anno fa pareva alla portata quando eravamo alle prese ancora con restrizioni, mascherine eccetera; ora ogni cautela è venuta meno e la nostra non è una realtà isolata.
Allargando lo sguardo alla provincia, ad Alba il tasso d’infezione ogni 100 abitanti è 7,81 e i casi conclamati da tampone molecolare risultano 246 quando erano 187 l’ultimo giorno di giugno. A Savigliano sono saliti a 137 da 87, a Fossano a 176 da 131, a Saluzzo a 119 da 76, a Mondovì a 265 da 226 e a Cuneo a 587 da 479. Tornando alle nostre zone, a Cherasco i positivi sono 63 (erano 57, tasso 6,78) e a Sommariva del Bosco 42 (erano 41, tasso 6,63). Non va diversamente a Carmagnola, la cittadina del torinese più vicina e demograficamente quasi sovrapponibile a Bra, passata da 135 a 198 in una settimana.
Nell’ospedale di riferimento di Langhe e Roero, il “Ferrero” di Verduno, i ricoverati per le conseguenze peggiori dell’aver contratto il coronavirus sono 11 in reparto ordinario e zero in rianimazione (erano rispettivamente 13 e zero alla precedente rilevazione). Il virus originario del 2019 non c’è più, ora ci si ammala per una delle sue maggiormente contagiose varianti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com