dal PiemonteAttualità

Convocato il primo tavolo delle colture agrarie piemontesi

Il punto sulle criticità dovute all’aumento dei costi di produzione, più sostegno alle piccole aziende e sviluppo di una filiera delle piante officinali

Il primo tavolo delle colture agrarie piemontesi, convocato il 14 settembre a Torino dall’Assessore regionale all’Agricoltura e Cibo e al quale hanno preso parte i rappresentanti delle organizzazioni di categoria agricola, alcuni enti ed associazioni delle colture agrarie e delle piante officinali, è stato l’occasione per fare il punto sulle criticità che sta vivendo il comparto e per un confronto sulle future strategie di sviluppo e sulle risorse disponibili nella programmazione della politica agricola comunitaria.

Per l’Assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte è importante riportare l’attenzione su un comparto in crisi che sta affrontando l’aumento dei costi di produzione determinati dal conflitto Ucraina – Russia e dagli effetti della siccità, al pari degli altri comparti produttivi.

Una particolare attenzione è stata rivolta anche alle piccole aziende agricole, come quelle del settore florovivaistico, realtà produttiva importante e di qualità che distingue il Piemonte a livello nazionale, e verso le produzioni che stanno sempre più entrando nel mercato, come quella delle piante officinali dove il Piemonte risulta essere tra le prime regioni a livello produttivo nazionale.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button