CanaleROERO NORDROERO

Consorzio Strade Canalesi, tutti gli aggiornamenti dai cantieri attivi

All’assemblea generale dei soci si farà il punto sulla situazione

Si svolgerà venerdì 25 marzo, alle 21 nella confraternita di San Giovanni in piazza Italia, l’assemblea generale dei soci del Consorzio Strade Canalesi. Il poderoso sistema di gestione dei percorsi vicinali sul territorio locale (con oltre 40 km di tracciati) pone le sue cure su di un ambito strategico sia sotto il profilo della viabilità rurale, sia dal punto di vista degli equilibri idrogeologici: argomenti “forti” e per il quale si auspica -almeno in questa occasione- una buona partecipazione degli utenti dopo anni di platee semi-deserte. Tant’è: all’ordine del giorno, assieme alla relazione del presidente Pietro Negro, ci saranno le approvazioni del conto consuntivo 2021 e del bilancio di previsione per l’anno in corso. Si tratterà anche di un’occasione per fare il punto sulle attività curate dal Consorzio: che, nell’anno in corso, ha inserito in bilancio una campagna di manutenzione dell’importo stimato in 31mila euro per le strade di sua competenza. Questo fronte prevede azioni quali lo spurgo dei fossi, il taglio di arbusti e le trinciature: con affidamenti dei materiali assegnati alle imprese Stroppiana Calcestruzzi di Alba e Nuova Precal di Vezza d’Alba, oltre che lavori appaltati, nelle loro differenti accezioni, alle ditte Farinetti Paolo di Diano d’Alba e Rossanino di San Damiano d’Asti. Già nel 2020, il Csc aveva dato vita ad un piano operativo riguardante le strade Mompissano e Valmana, oltre che la cosiddetta “Strada dei Ladri” che cinge la sommità canalese passante per il pilone della Gran Madre. Il costo era stato bilanciato in 24.500 euro: ora, dovendo ancora integrare il fronte d’azione di Mompissano e di altri interventi, si è ampliato il capitolo d’investimenti per 18.200 euro relativi alla fornitura di materiali e manodopera. Per partecipare all’assemblea, ci sarà l’obbligo di esibire il green pass base e di indossare la mascherina: ciò, nel rispetto delle norme di contenimento dell’attuale e­mergenza sanitaria.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button