Dal CuneeseDal SavoneseEconomia & Lavoro

Confesercenti: tra Cuneo e Imperia nasce il “Patto del Turismo” per sostenere imprese e territorio

Un gemellaggio che ha già portato ad un confronto per la ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza che dovrà essere ripensata e trasformata in un volano per l’economia delle due province. Piemonte e Liguria unite: presto un incontro con i presidenti di Regione

Un patto di intesa per sostenere ancora di più le imprese di due territori confinanti e simili, che da sempre hanno fatto della collaborazione il loro punto di forza.
È questa la motivazione che ha portato Confesercenti Cuneo e Confesercenti Imperia a firmare un Patto di intesa che intende sostenere maggiormente lo sviluppo delle aziende tra Piemonte e Liguria, puntando soprattutto sul turismo, volano di grande impatto per entrambe le regioni. Un turismo fatto di sport e di natura, di cultura e di buon cibo, per una economia che cresce grazie a seconde case ed ottime strutture ricettive, il tutto con la carta vincente di poter usufruire delle montagne e del mare in pochi minuti. Ed è da questa considerazione legata al trasporto che Confesercenti Cuneo e Confesercenti Imperia, hanno voluto immediatamente dare un segno concreto al loro patto di collaborazione, organizzando un convegno sulla tratta ferroviaria Cuneo-Ventimiglia-Nizza, per mettere a confronto il mondo dell’imprenditoria, messo in ginocchio da pandemia e per quanto riguarda Piemonte e Liguria, da una devastante alluvione nel mese di ottobre ed il mondo politico.
Ecco le considerazioni di alcuni dei partecipanti al convegno, che si è svolto ad Imperia.
 
 
Marco Bertolotti presidente Confesercenti Cuneo
 
Il Patto di intesa firmato tra Confesercenti Cuneo e Confesercenti Imperia, conferma ed ufficializza la collaborazione tra due territori, come quello piemontese e quello ligure, che da sempre sono uniti sotto il segno di scambi culturali, turistici, occupazionali ed economici. In pochi chilometri possiamo usufruire delle peculiarità delle montagne e del mare, con tutto ciò che questo comporta da un punto di vista imprenditoriale. Uniti potremo valutare ed operare meglio su più fronti, potenziando le nostre tante qualità. Il protocollo d’intesa tra le due Confesercenti, vuole essere una opportunità concreta per le imprese per trovare nuove opportunità di sviluppo, mettendo a disposizione ciò che da sempre la nostra provincia Granda può offrire, soprattutto da un punto di vista turistico che in questi ultimi anni, ha avuto un’accelerata incredibile. E anche se la pandemia ha dato una mazzata a tutti i settori economico, il mondo dell’outdoor è una delle nostre carte vincenti, con tutto ciò che ne consegue: paesaggi naturalistici mozzafiato, ottimo cibo, città di cultura e imprese ricettive di grande valore. Consapevoli dell’importanza di un sostegno da parte della politica, la collaborazione tra le due Confesercenti Cuneo e Imperia, si prefigge anche di creare e stimolare incontri e discussioni per un confronto costruttivo e concreto tra mondo imprenditoriale e mondo politico. Proprio come ha voluto essere il convegno organizzato sulla ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza. I trasporti sono fondamentali per lo sviluppo economico e considerando che si stima che il colle di Tenda non sarà fruibile per almeno altri sette anni e la strada, devastata dall’alluvione potrebbe riaprire solo verso l’estate, la Ferrovia delle Meraviglie, come è stata soprannominata per la sua bellezza, può – anzi deve – essere potenziata e trasformata in un valore aggiunto per turisti, pendolari e viaggiatori. Ed è questo l’unico modo per tutelare e salvare l’economia di vallate dalle grande potenzialità come la Val Vermenagna e la Valle Roia.
 
 
Nadia dal Bono direttore generale Confesercenti Cuneo
 
La ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza ha tutte le carte in regola per diventare il volano di una economia basata sul turismo. Un turismo che da sempre guarda verso la Liguria ed Imperia in modo particolare e che da ora in poi sarà ancor più rafforzato e sostenuto dal patto siglato tra le nostre due associazioni. Un momento importante che porterà idee, progetti, collaborazioni concrete e proficue. Del resto alla Granda non manca nulla: ha da offrire città ricche di cultura, montagne e sentieri naturalistici per gli appassionati di sport e natura e poi una enograstronomia conosciuta in tutto il mondo. Questa bellissima tratta ferroviaria, non per nulla soprannominata “Ferrovia delle Meraviglie”, fresca di nomina di “Luogo del Cuore Fai”, può rendere unico un progetto turistico legato a chi ama venire in Granda a sciare, camminare o andare in bici. Per esempio basterà consentire la salita a bordo con le biciclette per favorire la mobilità. Senza dimenticare la funzione di trasporto tra una città e l’altra anche per studenti, lavoratori e pendolari in genere, soprattutto in un momento come questo dove muoversi tra Italia e Francia è molto difficile. Ci sono tutti i segnali positivi per una riapertura a giugno, giusto in tempo per avviare il turismo estivo.
Sergio Scibilia segretario Confesercenti Imperia
È un sogno che si avvera, quello di unire due sorelle di Confesercenti di due province diverse, di due regioni diverse, ma di due territori che da sempre sono uniti da un filo rosso basato su scambi culturali, turistici, occupazionali. Due province importanti e confinanti, con caratteristiche simili, unite maggiormente da quella che è invece la loro più evidente diversità, ossia le montagne da una parte ed il mare dall’altra. Da oggi, con questa firma e soprattutto con questa stretta di mano, la collaborazione diventa ancora più concreta, grazie anche al lavoro delle due Confesercenti provinciali e all’impegno dei due presidenti. Ci attende un lavoro impegnativo, il cui obbiettivo è quello di dare un grande contributo alle nostre aziende, con nuove prospettive e nuove possibilità di scambi di esperienze e di lavoro. Senza dimenticare la grande possibilità che ci viene offerta dalla vicinanza con la regione della Costa Azzurra e una terra di valore come è il Principato di Monaco e quindi se uniamo le nostre forze troveremo una via comune per crescere ancora di più e realizzare un futuro migliore.
Paolo Bongiovanni consigliere regionale di Fratelli d’Italia
Ringrazio Confesercenti Cuneo ed Imperia, per aver voluto concentrare l’attenzione su una problematica enorme sulla quale ad oggi non si vede una soluzione, che è quella dei collegamento tra Italia e Francia, dalla parte di Limone Piemonte. Si parla di almeno sette anni per il Tunnel di Tenda prima di rivedere una riapertura, il che significa la fine di una economia del territorio, almeno per come noi oggi la conosciamo. Tra l’altro paghiamo ancorala la mancata nomina di un commissario, quanto mai utile, e che invece il Governo italiano ha deciso di non istituire, mentre sul lato francese il commissario ha già dato il via ai lavori. Però mentre queste problematiche sono in atto, noi dobbiamo riuscire – e questo convegno che unisce politica ed imprenditoria può essere la spinta giusta -, a far partire il progetto di potenziare e sfruttare il più possibile la ferrovia Torino-Cuneo-Ventimiglia-Nizza, come asse di collegamento per uno scambio turistico. Se saremo in grado di sfruttare i fondi europei, ci saranno anche i finanziamenti. La Granda ha sempre puntato sul turismo invernale legato allo sci, ma abbiamo anche la potenzialità e le idee giuste per rilanciare un turismo che copra tutti i mesi dell’anno ed il treno sarà una componente fondamentale. Bisogna creare il binomio delle 2T: Treno e Turismo. Mi impegno a organizzare un incontro tra i presidenti delle due Regioni coinvolte, ossia Piemonte e Liguria, per fare sinergia e trovare nuove soluzioni”.
Mabel Riolfo consigliere della Lega della Regione Liguria
Liguria e Piemonte sono due regioni che da sempre hanno avuto scambi culturali, turistici ed economici. Per un motivo di confini, certo, ma anche per l’affinità che li lega e la capacità sviluppata negli anni di creare un binomio indissolubile tra il nostro mare e le montagne piemontesi. Non solo plaudo all’iniziativa di Confesercenti Imperia e Cuneo per la loro volontà di stringere ancora di più la collaborazione, della quale beneficerà territorio ed impresa, ma anche per aver ricordato, con il convegno sulla tratta ferroviaria Cuneo-Ventimiglia-Nizza, l’importanza dei collegamenti e dei trasporti, senza i quali è difficile uno sviluppo economico. Naturalmente mi farò portavoce in Regione Liguria, come il collega Bongiovanni per la Regione Piemonte, di organizzare un incontro tra i nostri due presidenti, Toti e Cirio.

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button