dal PiemonteAttualità

Condizioni di pericolo valanghe stazionarie in Piemonte

Dopo le deboli nevicate di inizio settimana che hanno apportato 10-20cm circa sulle creste delle zone di confine dalle Alpi Cozie alle Alpi Lepontine, i venti intensi hanno rimaneggiato la neve recente e leggera formando accumuli in conche avvallamenti e dietro ai cambi di pendenza. Questi accumuli sono generalmente instabili e suscettibili al passaggio del singolo sciatore, tuttavia sono di piccole dimensioni e perlopiù ben identificabili.

Sui settori  meridionali in una fascia altitudinale compresa tra i 1600m e i 2000m circa è facile incontrare una crosta dura ghiacciata, insidiosa già su terreno poco inclinato, per cui occorre prestare attenzione al rischio di scivolamento e caduta.

Si consiglia di prestare attenzione alle temperature sotto zero che, associate alla ventilazione sostenuta dai quadranti settentrionali, favoriranno la diminuzione della temparatura percepita.

Il pericolo valanghe rimarrà compreso tra il 2 moderato in quota e l’1 debole. Solo sulle Alpi Lepontine Nord in quota rimarrà ancora il 3 Marcato.

Per seguire gli aggiornamenti vi invitiamo alla lettura del bollettino valanghe completo e del blog sul sito di AINEVA.

E’ disponibile il nuovo video bollettino valanghe con le osservazioni raccolte sul campo durante i sopralluoghi di questa settimana.

 

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button