Dal CuneeseAttualità

Coldiretti Piemonte: festa della mamma con l’iniziativa solo dal cuore

Donne Impresa Piemonte con i volontari del Cuamm Medici con l’Africa

“Solo dal cuore” è l’iniziativa di Donne Impresa Coldiretti Piemonte che si è svolta, in occasione della Festa della Mamma, al mercato coperto di Campagna Amica ad Asti per sostenere il progetto Rumbek insieme ai volontari del Cuamm Medici con l’Africa. Tanti diversi cuscini a forma di cuore realizzati dalle agrisarte di Sant’Erasmo con i tessuti Wax originali africani e stoffe italiane per una mobilitazione di solidarietà lungo tutta la Penisola.

“L’obiettivo del progetto –spiega Silvia Beccaria responsabile Donne Impresa Coldiretti Piemonte – è quello di migliorare l’accesso e la qualità delle cure rivolte a tante donne, mamme e bambini, in particolare presso l’ospedale di Rumbek, in Sud Sudan, dove l’assistenza sanitaria è un diritto da promuovere ogni giorno. Attraverso, infatti, la vendita di questi cuscini a forma di cuore abbiamo sostenuto la realizzazione di una zona ospedaliera per la maternità, una scuola per la formazione di ostetriche ed una casa d’attesa per le donne in procinto di partire”.

“Nell’attività imprenditoriale agricola le donne hanno da sempre dimostrato capacità di coniugare la sfida con il mercato e il rispetto dell’ambiente, la tutela della qualità della vita, l’attenzione al sociale, a contatto con la natura assieme alla valorizzazione dei prodotti tipici locali e della biodiversità – fanno notare Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale -. In questo caso le imprenditrici hanno avuto la forza di unirsi e creare una fitta rete in tutta Italia per sostenere il progetto Prima le mamme e i bambini dando così un segno tangibile, anche in un momento difficile come questo a causa della pandemia, della loro solidarietà e sensibilità oltre che della loro intraprendenza nel dar vita a nuove idee. Le imprenditrici agricole piemontesi, grazie al loro lavoro e al loro impegno – concludono – rappresentano un tassello importante della nostra Organizzazione e dell’economia regionale e, ancor più in questa situazione, è necessario supportarle per evitare chiusure che rappresenterebbero una perdita sostanziale per l’intera società”.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button