Circa 1.000 braidesi non hanno ritirato il nuovo sacco per i rifiuti

565
Ritirati anche i sacchi non conformi. Così è successo nei giorni scorsi a Bra. E il sindaco esclude «volontà oggi e domani» di fare multe per chi sbaglia a comportarsi nel nuovo sistema di raccolta differenziata. Foto di repertorio

Oggi, lunedì 4 febbraio, parte a Bra il nuovo sistema di raccolta rifiuti. Il pattume indifferenziato d’ora in poi va conferito esclusivamente nel sacco conforme di colore arancione fornito dall’Ecosportello di piazza Caduti per la libertà. I rifiuti esposti in modalità diverse dal sacco conforme non saranno ritirati.

Cambia anche il calendario dei passaggi dei netturbini, diventa «più agile» secondo un comunicato diffuso dal Comune che ha suddiviso il territorio in due sole macro zone (A e B). Per le utenze domestiche, la frequenza di raccolta resta invariata per l’indifferenziato: una volta a settimana. Passa ovunque a due passaggi a settimana (erano tre nel centro) per l’umido che va conferito con il consueto sistema biodegradabile dentro i contenitori di colore marrone. Per la plastica (sacco giallo) e la carta (contenitore bianco) i prelievi si riducono a due al mese. Per il vetro rimangono le campane stradali, ad esclusione dei quartieri Centro e Centro Storico dove si continua con il “porta a porta”.

Per le utenze commerciali, invece, la raccolta della plastica assume cadenza settimanale, quella della carta giornaliera in orario serale. Raccolte dedicate il sabato riguardano il vetro e l’alluminio.

FLESSIBILITA’

Il comunicato del Comune ricorda che sacchetti e contenitori vanno esposti soltanto a partire dalle ore 21 della sera precedente il giorno di raccolta e fino alle 6 del mattino di questo. «E’ garantita – aggiunge – la disponibilità a valutare esigenze specifiche con la flessibilità consentita dal metodo, per fornire il giusto supporto alle utenze, in particolare quelle commerciali».

Scarti vegetali, sfalci e potature vanno conferiti nei 7 punti di raccolta con cassoni scarrabili che ruotano sul territorio comunale, oppure negli Ecocentri di corso Monviso e Pollenzo (via Langhe), oppure ancora nel contenitore domiciliare da richiedere in Ecosportello.

Nulla cambia per la raccolta degli ingombranti cui hanno diritto gratis le utenze domestiche: va prenotata per avere il servizio sotto casa, diversamente si può andare direttamente all’Ecocentro.

Occhio a “fare i furbi”: si rischiano multe salate.

Sarà ampliato il programma di spazzamento strade con integrazione della segnaletica di avviso per evitare la sosta delle auto, ove necessaria, e ottimizzazione dei circuiti; prevista l’introduzione di mezzi  meccanici più efficienti anche ad alimentazione elettrica.

Il comunicato conclude: per qualsiasi dubbio, informazioni e segnalazioni rivolgersi all’Ecosportello in piazza Caduti per la libertà,  palazzo Garrone (tel. 0172/20.10.54, email ecosportello@strweb.biz).

IL PROBLEMA

Distribuiti dall’Ecosportello di Palazzo Garrone e pubblicati sul suo sito internet, il Comune di Bra ha diffuso i vademecum che illustrano le modalità per adeguarsi al nuovo sistema di raccolta dei rifiuti urbani tramite sacco conforme. Molto opportunamente questa informazione ha pensato anche agli stranieri che sono quasi il 14% dei residenti sotto la Zizzola: le indicazioni su come comportarsi con i vari scarti da destinare al riciclo piuttosto che alla discarica sono state tradotte in 6 lingue. In particolare la scheda  intitolata “Rifiuti a Bra. Cosa dove” compare anche in arabo, francese, inglese, albanese, romeno e cinese. Il vademecum specifica, per ogni categoria di materiali differenziabili, le tipologie e le modalità di corretto conferimento dei rifiuti. Numerosissimi anche gli esempi dei rifiuti indifferenziati (rsu) che debbono essere smaltiti esclusivamente nel sacco conforme.Esso è dotato di un codice associato al singolo a al nucleo familiare utente del servizio.

Sabato pomeriggio si sono concluse all’Ecosportello le operazioni di consegna dei “kit” di contenitori della nuova differenziata. L’assessore comunale Sara Cravero ha gentilmente riferito che delle 13.695 utenze «bollettate Tari», la tassa sui rifiuti, se ne sono presentate a ritirare i sacchi conformi più del 92%. Circa un migliaio, quindi, i braidesi che si trovano da oggi sprovvisti di quanto serve per poter conferire i loro rsu. L’Ecosportello (per conoscere gli orari di apertura: telefono 0172/20.10.54 – indirizzo email ecosportello@strweb.biz) resta a disposizione di quanti intendano mettersi in regola e di coloro ai quali spettano le «dotazioni aggiuntive»: famiglie con bambini in età da pannolino (fino ai 3 anni), ammalati e/o anziani con problemi di incontinenza. Alla bisogna possono ritirare una fornitura ulteriore di sacchi che viene concessa gratuitamente, basta mostrare la certificazione medica o anagrafica.