Chiamparino ai ferri corti con il Partito Democratico piemontese

45
Con il sindaco Bruna Sibille. Sergio Chiamparino alla più recente inaugurazione di Cheese a Bra

Il governatore che prende le distanze dal Pd regionale. La disponibilità del “re dei trapianti di fegato”, il medico Mauro Salizzoni, a candidarsi alla presidenza della Regione Piemonte fa litigare a distanza Mauro Laus, che dopo l’elezione in Senato ha lasciato la presidenza del Consiglio a Palazzo Lascaris, e il presidente Sergio Chiamparino.
«Chiamparino sta sbagliando, non può dare il testimone a nessuno e il candidato alla presidenza del Piemonte per le elezioni del 2019 deve passare attraverso le primarie» – ha dichiarato Laus, auspicando anche un «cambio di passo» della Giunta regionale nell’ultimo anno di legislatura.

A stretto giro e piccata la replica di chi quella stessa Giunta la dirige. Dicendosi dispiaciuto per le parole di Laus, Chiamparino ha affermato: «Il nome di Salizzoni è circolato ben prima che io lo sondassi, d’intesa con alcuni esponenti Pd, tra cui lo stesso Laus. Vista la critica radicale, se il pensiero di Laus riflette quello della maggioranza del partito non vedo più le condizioni per continuare a collaborare con questo gruppo dirigente del Pd».

.