CHERASCODal Comune

Cherasco: Siallarga il “buco” di bilancio: mancano 520mila euro di tasse

CHERASCO – Si è allargato ancora il “buco” causato ai conti del Comune di Cherasco dai mancati introiti fiscali. Il rendiconto 2021 approvato a maggioranza nell’ultimo Consiglio ha portato il Fondo crediti inesigibili a quota 520mila euro. «Una cifra abbastanza alta» –l’ha definita Domenico Panero che dai banchi della minoranza ha focalizzato l’attenzione su questo problema già segnalato più volte dal “Corriere”. Il consigliere ha chiesto al­l’assessore al Bilancio Elisa Bottero: «Da cosa deriva? Ci sono furbetti che non pagano e non si riesce a far pagare?». L’assessore ha confermato ribadendo che si tratta «per la parte più importante» di tasse non corrisposte. «In particolare la Tari» che è una tassa per modo di dire siccome si tratta di compensare quanto il Municipio spende sul territorio per i servizi di raccolta e smaltimento rifiuti.

Bottero ha proseguito informando che gli accertamenti hanno riguardato quasi 1,4 milioni di euro e di questi «300mila restano in sospeso, si fa fatica a incassare». Perché? – ha insistito Panero. «Soprattutto per le difficoltà economiche derivati dalla pandemia, c’è chi ha perso il lavoro, ditte e negozi che hanno chiuso» – ha risposto ancora Bottero. A questo punto e prima che il sindaco Carlo Davico concludesse la discussione ammettendo «legittima e pertinente» la sollecitazione di Panero, è intervenuto il presidente dell’assemblea, Massimo Rosso. Da ex delegato alle Finanze ha ricordato: «A un certo punto si manda la coattiva e può darsi questa sia già in corso, che molti dei 300mila euro siano attualmente in riscossione ma finché non finisce la procedura non rientrano». Sempre che lo facciano davvero: da statistiche nazionali i recuperi affidati a privati dagli Enti pubblici in quasi 1 caso su 3 terminano senza esito.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com