CHERASCOAttualità

Cherasco: Per San Martino piano da 350mila euro di restauri

Municipio aiuterà (30mila euro) intervento conservativo a cura della Parrocchia

La chiesa di San Martino, coeva alla fondazione della città di Cherasco e affacciata sulla piazzetta Don Alberione accanto a via Cavour, assorbirà quest’anno l’intero stanziamento dei contributi comunali agli edifici di culto, tratti dagli incassi degli oneri di urbanizzazione e dovuti in ossequio a una legge regionale del 1989. La Giunta del sindaco Carlo Davico le ha infatti destinato l’intera cifra stanziata a chiusura del 2021, 30mila euro. Questi soldi serviranno a coprire in piccola parte le spese di un progetto di restauro e risanamento conservativo presentato dalla Parrocchia competente, quella di San Pietro. Il preventivo economico complessivo ammonta a 351.561,83 euro.

Cosa si farà Spiegano dalla Parrocchia che i lavori sono stati pensati per essere suddivisi in due lotti. Il primo porterà a un rifacimento del tetto sia dell’edificio religioso sia dell’adiacente ex canonica, ora sede della Caritas vicariale. Il secondo lotto, invece, insisterà sul frontale e il perimetro esterno verso la centrale via Cavour. Qui andranno risolti problemi di risalita di umidità mettendo in atto accorgimenti che facilitino il più veloce scorrere via a terra dell’acqua piovana. Proprio i suoi ristagni tuttora sono causa di guai per la salute delle pareti. San Martino fu costruita originariamente tra i secoli XIII-XIV e ricostruita quasi totalmente nel 1881 dopo un lungo periodo di decadenza e inagibilità. La facciata salvatasi nei suoi tratti medioevali, presenta un bassorilievo raffigurante il santo a cui è intitolata. L’interno è a tre navate spartite da pilastri e conserva un pregevole organo recentemente ristrutturato e usato, nella bella stagione e Covid permettendo, per concerti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button