CHERASCOAttualità

Cherasco: La passeggiata dei bastioni avrà un “parco archeologico”

Altri sondaggi sotterranei nell’area detta dei bastioni: li ha ordinati il Comune di Cherasco alla stessa ditta che sul finire dell’anno scorso si era occupata di riportare alla luce piccole porzioni di quanto resta delle antiche mura protettive del centro storico. L’intervento proseguirà ancora sul lato nord-ovest, quello della scarpata che digrada lungo via Moglia. La spesa prevista ammonta a 7.320 euro. Perché si scava? Il sindaco Carlo Davico spiega che si tratta dei prodromi di un ambizioso piano di riqualificazione del verde lungo una passeggiata molto amata da residenti e turisti. Il suo itinerario potrebbe arricchirsi di una sorta di “parco archeologico”. Il progetto complessivo richiederà circa 700mila euro ma «un primo lotto si farà come opera compensativa di un grande impianto fotovoltaico di privati», annuncia il sindaco. Cherasco, fondata nel 1243, assunse fin da subito la connotazione di una cittadella fortificata. Le “mura stellate” poi citate nell’omonimo romanzo di Gina Lagorio, furono erette nel XVII secolo su progetto dell’architetto del­la corte sabauda Ascanio Vitozzi. Consentirono alla comunità d’isolarsi dal territorio circostante passando indenne anche attraverso la pestilenza del 1630. Le mura furono smantellate quasi due secoli dopo, durante il periodo napoleonico.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button