More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Ceresole d’Alba: Tassa sui rifiuti si annuncia leggero calo

    spot_img

    A Ceresole d’Alba i contribuenti quest’anno non avranno spiacevoli sorprese e il loro impegno nell’eseguire la raccolta differenziata troverà una, seppur minima, ricompensa quando pagheranno la Tari, la tassa rifiuti. L’Amministrazione del sindaco uscente Franco O­locco ha infatti approvato in Consiglio comunale le nuove tariffe scaturite dal piano finanziario 2024.

    Quest’ultimo richiede circa 3mila euro meno che nel 2024. Un risparmio che sarà ripartito sul­l’intera utenza: siccome nessun Comune può fare “sconti”, il complessivo costo del servizio va coperto, un tanto ciascuno, dai fruitori. Fin qui, le buone notizie. Nota dolente ma anch’essa leggera seppure forse in grado di compensare lo sgravio di cui sopra, la novità che quest’anno in ogni bolletta Tari ci sarà un balzello in più. Questo non si deve ai conti della discarica consortile di Sommariva Perno e neppure a una previsione del­l’Amministrazione civica.

    Si deve a una disposizione nazionale di Arera, l’Autorità di regolazione per l’energia, le reti e l’ambiente. Un euro e 60 centesimi che finanzieranno la copertura dei costi di gestione di scarti pescati e volontariamente raccolti, e soprattutto le agevolazioni riconosciute per smaltire le masserizie in caso di eventi eccezionali e calamitosi. Ceresole d’Alba autonomamente ha potuto stabilire le scadenze di pagamento. Restano due: prima rata entro il 30 luglio, seconda entro il 2 dicembre.

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio