Cappella del cimitero urbano di Bra: appaltati i restauri esterni

Eredità di nobili famiglie. L’ottocentesca cappella ceduta al Comune

Dopo gli interni gli esterni. Il Comune di Bra prevede di spendere altri 102mila euro circa per completare l’opera di recupero della cappella Reviglio della Veneria. Per circa 70mila euro saranno coperti dai risparmi sul precedente appalto.

Situata all’interno del cimitero urbano, disegnata dall’arch. Carlo Reviglio della Veneria la chiesetta funebre fu fatta costruire dopo il 1870 da 5 famiglie nobili: oltre quella del progettista gli Icheri vassalli della Malabaila e di Battifollo, i Moffa conti di Lisio, i Valfrè conti di Bonzo e di Mottera, i Fissore già consignori di Montaldo. Queste stesse famiglie ne hanno utilizzato per le loro sepolture la cripta che tuttora mantengono nella loro esclusiva disponibilità. Mentre lo spazio soprastante, a pianta che ricorda la Gran Madre a Torino, è stato ceduto al Comune. Nel 2017 furono condotti qui e nell’interrato consolidamenti statici e restauri di tutte le superfici pittoriche che adornano le pareti. Un’opera da circa 200mila euro finanziata per tre quarti dai contributi di un bando emesso dalla Compagnia di San Paolo. Entro fine primavera si passerà  in esterno per «tamponare la malta sulla trama dei mattoni a vista, ripassare la copertura metallica della cupola e rifare le grondaie» –spiega l’assessore Luciano Messa.

L’appalto è stato assegnato alla ditta Farm di Savigliano che ha offerto un ribasso del 24,11% sulla base d’asta.