More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Cambiamenti climatici e agricoltura in crisi: il Presidente Rasero scrive al Ministro Lollobrigida

    spot_imgspot_img

    Il comparto agricolo astigiano è in sofferenza dopo un’estate segnata dall’alternanza di periodi di forte siccità e violenti eventi temporaleschi.

    [themoneytizer id=”108113-2″]

     

    Un mix di fattori che ha arrecato ingenti danni alle culture e per questo la Provincia di Asti, per voce del suo Presidente Maurizio Rasero, ha deciso di mostrare la propria vicinanza e attenzione al problema scrivendo una lettera al Ministro dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, l’Onorevole Francesco Lollobrigida, in cui viene richiesta “con assoluto carattere d’urgenza” la sottoscrizione di un nuovo accordo per la sospensione del pagamento delle rate dei mutui.

    Il Presidente Rasero ha ricordato al Ministro Lollobrigida che “le stime di produzione registrano una riduzione del 25/30% in meno dell’anno precedente”, un vero salasso per le aziende del nostro territorio, vocato in larga misura al settore vitivinicolo, che sono per la maggior parte a conduzione familiare.

    “Purtroppo per tali situazioni non sono previsti piani di ristori né dalle assicurazioni né da interventi bancari o altro. Le condizioni delle aziende, già peraltro indebitate, sono molto serie e preoccupanti” sottolinea in un passaggio della lettera il Presidente Rasero.

    Lo scritto si conclude con un preciso richiamo all’importanza del nostro territorio che è stato dichiarato, come noto, patrimonio dell’UNESCO per l’unicità e la tipicità dei propri vitigni.

    Il Presidente Rasero ha così commentato l’iniziativa: «Le difficoltà del settore agricolo sono evidenti e necessitano di risposte celeri e concrete. Ci aspettiamo che il Governo accolga la richiesta di sospensione del pagamento delle rate dei mutui già avanzata dalla filiera, dalla Regione Piemonte e dalle associazioni di comparto e che la Provincia di Asti sostiene compatta. I cambiamenti climatici stanno “tropicalizzando” anche l’Astigiano e per questo è necessario incentivare, con il contributo di tutti, politiche virtuose a sostegno dell’ambiente. La Provincia di Asti è al lavoro, già da tempo, su progettualità finalizzate a una transizione ecologica sostenibile (basti pensare al progetto di C.E.R. Provinciale (Comunità Energetica Rinnovabile) https://www.provincia.asti.it/it/page/80805) e continuerà a essere protagonista di ogni tavolo che riguarda lo sviluppo e la salvaguardia del nostro prezioso tessuto economico».

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio