CALCIO SERIE D – Un grigio Bra va ko con la Fezzanese: la classifica adesso «piange»

Passo indietro, nel gioco e nel risultato, ancora una volta tra le mura amiche per il Bra di calcio Serie D: battuto dalla Fezzanese. La vittoria in casa manca ormai da due mesi, i giallorossi hanno disputato una brutta prova terminata 1-3 a favore dell’undici spezzino, apparso ben più determinato e concreto. La squadra di mister Fabrizio Daidola ha interrotto così il trend positivo che aveva innescato con il bel successo di Casale e i risultati comunque positivi con Inveruno e Folgore Caratese. Ennesimo ko che avvicina (-4) la zona “calda” dei play-out a fondo classifica.

LA PARTITA

Dopo un’occasione per parte, con Angelotti e Casolla, i verdi ospiti trovano lo 0-1 al 14′ grazie alla conclusione dalla distanza e precisa di Cantatore.

Poco dopo Baudi scheggiava il palo braidese.

Prima della sosta di metà gara, conclusione fuori di poco di Tettamanti e punizione dello stesso fantasista dal limite dell’area, alta sopra la traversa.

Bra volitivo a inizio ripresa con un colpo di testa di Vergnano (ispirato da Tettamanti), smanacciato da Greci.

Seconda rete degli ospiti al 7°: girata vincente a centro area di Grasselli.

Tiro potente e velenoso di Giglio dai 20 metri, Greci si salva in calcio d’angolo.

Rigore per gli spezzini al 15° da contatto Rossi-Diallo in area giallorossa.

Dal dischetto realizza Baudi per lo 0-3 al 16°. Valzer di cambi ma il match non ha più storia. Negli ultimi scampoli di gioco, il direttore di gara sorvola per un fallo da rigore apparso netto ai danni di Casolla.

Al minuto 50, su angolo di Petracca, stacco aereo di Barale e gol della bandiera braidese.

Domenica 24 febbraio (alle ore 14,30) il Bra proverà a riscattarsi impegnato allo stadio “Edoardo Riboli” di Lavagna (Ge), ospite della Lavagnese.

IL COMMENTO DI DAIDOLA

L’allenatore dell’Ac Bra Fabrizio Daidola non ha citato l’attenuante della stanchezza, per il recupero giocato il mercoledì precedente e finito 3-3 contro la Folgore Caratese. Non ci sono scuse per una prestazione, quella messa in campo dai suoi ragazzi al cospetto della Fezzanese, che ha lasciato ancora una volta sconcertati i tifosi venuti a sostenere i giallorossi al “Bravi”.

«Non siamo riusciti a fare praticamente nulla di quello che avremmo dovuto» – ha ammesso Daidola.

La zona “calda” dei bassifondi della classifica, dopo questo ultimo rovescio si è avvicinata ma Daidola predica ottimismo. «Sono sereno perché so che questa squadra ha dei valori importanti. Adesso l’unica cosa da fare è lavorare per voltare pagina» e tornare subito a fare punti.