CORONAVIRUSdal PiemonteSanità

Buone notizie dall’ultimo bollettino sull’andamento dell’epidemia Covid-19 in Piemonte

I dati elaborati dal Seremi (Servizio regionale di sorveglianza epidemiologica) riferiti alle diagnosi avvenute negli ultimi sette giorni (19 – 25 ottobre 2022) delineano un andamento dell’epidemia sempre più in riduzione: la variazione percentuale fra gli ultimi due periodi consecutivi di sette giorni risulta pari a -24,6%.
Risultano in calo sia il numero dei nuovi casi segnalati per giorno al sistema di sorveglianza integrata Covid-19 dell’Istituto Superiore di Sanità (-19,3%; era -23,7% il valore riportato nel precedente Report settimanale), sia quello relativo al flusso della Protezione Civile (-16,9%; era -5,5% il valore riportato nel precedente Report settimanale).
Si conferma il calo dei casi in tutte le classi di età: per gli epidemiologi della Regione la curva dei contagi ha raggiunto il plateau ed iniziato la sua fase discendente.
RICOVERI
In calo anche le ospedalizzazioni con il tasso di occupazione dei posti letto ordinari ed in terapia intensiva che risulta inferiore rispetto al dato nazionale.
L’occupazione dei posti letto ordinari alla data del 24 ottobre si attesta al 10,9% (il valore nazionale è 11,2%) e quella delle terapie intensive all’1,9% (il valore nazionale è 2,3%), mentre la positività dei tamponi è al 9%.
CONFERMATA LA DOMINANZA DI OMICRON 5
Dai dati diffusi da Arpa, gli esiti delle analisi di sequenziamento delle acque reflue su campioni prelevati il 17 ottobre evidenziano la dominanza della sottovariante di Omicron BA.5 nei depuratori di Castiglione Torinese, Alessandria, Cuneo e Novara.
Sono presenti anche mutazioni della sottovariante BA.4 e con bassa frequenza della sottovariante BA.2.75. Non si osservano mutazioni specifiche per le sottovarianti Omicron BA.3, BA.2.12.1 e BG.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button