BRADal Comune

Bra: in Consiglio anche il centrodestra vota «contro» Putin

 La «più ferma condanna» dell’invasione russa, delle bombe sulle case, dell’uso della forza per sottomettere uno Stato sovrano dopo aver rifiutato ogni tentativo d’intesa negoziale «minando la  stabilità dell’Europa». E’ l’incipit della mozione appena approvata dal Consiglio comunale di Bra convocato con un solo punto all’ordine del giorno, una mozione intitolata “Per la pace, per l’Ucraina”.
Redatto in seno all’Anci, l’associazione nazionale dei Comuni, il documento non nomina mai Putin anche se è esplicito nell’esprimere la «più forte condanna morale e politica delle azioni messe in atto dalla Russia».Sarebbe corretto dire dal suo presidente, un autocrate formatosi nel Kgb dell’Urss, regime feroce già additato, insieme ai suoi simili cinesi, cambogiani, cubani eccetera a modello dalla sinistra italiana. Probabilmente Putin finirà a processo per crimini di guerra, ma fino a pochi giorni prima di far sparare su donne e bambini era elogiato dal centrodestra italiano: amico personale di Berlusconi, esaltato da Salvini che aveva perfino sottoscritto un patto di collaborazione con il suo partito, definito da Meloni nel libro “Io sono Giorgia” «difensore dei valori europei e dell’identità cristiana».
In linea con certe letture sovraniste, dopo l’intervento a nome di Marina Isu (Pd) per la maggioranza di centrosinistra si è espressa l’unica eletta di FdI, Annalisa Genta.Ella ritiene che «senza i gravi errori» come il «frettoloso» ritiro dall’Afghanistan degli Usa «non avremmo visto oggi l’assedio di Kiev e domani forse quello di Taiwan».Un colpo al cerchio, l’America dell’anziano Biden tuttora considerato un usurpatore da larga parte dell’elettorato conservatore, e uno alla botte, la nuova inquietante superpotenza asiatica.
Per la Lega Giuliana Mossino ha letto il comunicato già sollecitato dal “Corriere” e diffuso la settimana scorsa da questo sito.Hanno preso la parola anche Sergio Panero e Davide Tripodi delle liste civiche alleate.Poi i ringraziamenti del sindaco Gianni Fogliato e il voto, unanime.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button