BRACRONACA

Bra: è mancato a 97 anni Giorgio Rolfo, storico fondatore delle omonime officine

BRA – “Un uomo buono e un imprenditore illuminato”, così si legge nel manifesto di lutto di Giorgio Rolfo classe 1923, aveva da poco compiuto 97 anni,  fondatore della Rolfo spa, industria braidese (400 dipendenti) che produce bisarche, è mancato nella sua Bra lasciando

Una vita dedicata a far crescere l’azienda che aveva avviato, insieme al fratello Bernardo, nel 1943 ma la storia inizia nel lontano 1885, da un’iniziativa del Sig. Giorgio Rolfo, il quale apre una “bottega” di carradore per la costruzione di carri e carrozze. Con l’avvento della motorizzazione la piccola bottega si rinnova e si aggiorna alle nuove esigenze per la riparazione di autocarri, collaborandovi ora anche i tre figli del fondatore, Antonio, Francesco, Pietro.

Nel 1942 l’azienda subisce un grave lutto con la morte del fondatore Giorgio, al quale succedono i tre figli; uno solo di essi, Antonio, prosegue però il cammino, coadiuvato dai giovanissimi figli Giorgio e Bernardo, che fin da subito dimostrano una notevole versatilità.

Nel 1943 un altro duro colpo colpisce la famiglia con la morte di Antonio Rolfo, che lascia l’azienda in una situazione alquanto delicata ai giovani eredi, i quali non senza difficoltà dimostrano il loro primo atto di coraggio e di fede nel proprio lavoro e nell’avvenire. Mentre l’officina lavora a ritmo serrato nelle riparazioni di autocarri, i fratelli Rolfo guardano in avanti e cercano nuovi sbocchi nel mercato. La loro abilità, la fiducia che ispirano, la comprensione reciproca e il vicendevole integrarsi, danno subito proficui frutti: nascono i primi autocarri delle Officine Rolfo.

Col passare degli anni, l’Azienda assume così l’aspetto di piccola industria, presupposto di quella che è oggi. A partire dal 1951 comincia la produzione in “serie artigianale” di carrozzerie industriali. Il sistema di produzione in più di un secolo è profondamente cambiato: da artigianale a industriale, dalla lavorazione del singolo pezzo alla catena di montaggio, fino all’automazione. Rolfo ha seguito tutte queste trasformazioni.

L’innovazione tecnologica e la ricerca della più alta qualità del risultato hanno rappresentato da sempre l’obbiettivo dell’ Azienda Rolfo.

Dalla “bottega” alle officine Rolfo, fino all’odierna ROLFO S.p.A., un percorso di impegno, lavoro e successo, che ha sempre visto in prima fila la famiglia Rolfo, che ancora oggi coordina e gestisce tutta l’attività dell’ Azienda.

Giorgio Rolfo lascia la moglie Margherita Gattino e i figli Renato, Dario e Roberto.

La camera ardente è allestita nei locali del piccolo museo Rolfo di corso IV Novembre e sarà aperta oggi (mercoledì 22 luglio) dalle 15. La benedizione della salma sarà domani (giovedì 23) pomeriggio alle 16, al cimitero di viale Rimembranze.

(vedi manifesto di lutto)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button