CORONAVIRUSALBABRASanità

Bra: contagi + 27,7%, ma il Comune minimizza e non li rileva

 La crescita ha un po’ rallentato ma rimane forte, +27,7% per i casi da coronavirus a Bra. Da 18 che erano il 28 ottobre, questa mattina (dato aggiornato alla sera di ieri, giovedì 4 novembre) il sito della Regione Piemonte ne conclama 23. Il rapporto contagiati/popolazione è di 0,78 ogni 1.000 abitanti. Un quadro evidentemente considerato non degno di rilievo da parte del Comune, che non ha più emesso il  bollettino d’aggiornamento sulla pandemia. Da settimanale che era è stato ridotto a due volte al mese «salvo situazioni di necessità», ha comunicato la segreteria del sindaco Gianni Fogliato.
Nel resto della nostra provincia, a parte il singolare e allarmante caso della vicina Cherasco già riferito da questo sito, l’infezione si conferma ancora in espansione ad Alba dove è passata da 57 a 69 casi.L’incidenza qui è del 2,19 ogni 1.000 abitanti, un livello che non si vedeva da maggio. A Savigliano i positivi sono 9 (erano 8 il 28 ottobre). A Fossano 36 (erano 21). A Saluzzo 3 (erano 8). A Mondovì 19 (dato stabile rispetto alla precedente rilevazione). A Cuneo 46 (erano 40) e a Carmagnola, il più vicino centro della provincia di Torino, assimilabile a Bra per consistenza demografica, sono saliti a 34 dagli scorsi 32.
In ospedale
In ospedale a Verduno per le conseguenze dell’aver contratto il Covid-19, l’Asl Cn2 conteggia in totale 10 persone, per fortuna nessuna in terapia intensiva. Abbiamo chiesto a Fogliato di sapere, dato a cui solo i Comuni hanno accesso, se tra i positivi braidesi vi sia qualche ricoverato: non ne risultano. Alba ne segnala a sua volta uno, come Cherasco.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button