BRACRONACA

Bra: confermata la condanna per l’omicidio Ghibaudo

I 18 anni decretati dalla Corte d’Appello di Torino sono stati confermati ieri dalla Cassazione: è dunque la pena definitiva inflitta a Mario Novi, 32 anni, per l’omicidio di Salvatore Ghibaudo. Questi morì a 37 anni raggiunto alla testa da colpi di pistola nel giugno del 2016. Il cadavere fu ritrovato parecchi giorni dopo in un pioppeto presso strada Falchetto a Bra. 

L’assassinio maturò nell’ambiente della piccola criminalità locale dedita allo spaccio di stupefacenti. Imputato di complicità, per l’occultamento delle prove e dell’arma del delitto un pregiudicato, Mauro Regis, 22 anni, che fu poi trovato morto poco dopo la condanna in primo grado a 19 anni, mentre scontava l’obbligo di firma nel suo appartamento braidese. Sempre in primo grado (dove per lui furono sentenziati 30 anni), a Novi erano anche stati contestati i “futili motivi”, aggravante caduta nel processo d’Appello.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button