BRADal Comune

Bra, cala ancora la tassa rifiuti: in 5 anni -700mila euro

«Si sente spesso dire che il comportamento virtuoso di chi fa bene la raccolta differenziata è utile solo ai fini ambientali e non paga in termini economici. Credo che il Comune di Bra sia la testimonianza di quanto è vero esattamente l’opposto». Con questa riflessione il sindaco e assessore alle Finanze, Gianni Fogliato (Pd), ha concluso ieri pomeriggio in Consiglio la sua relazione sul piano economico-finanziario 2022 della Tari, la tassa sui rifiuti. Come anticipato sul “Corriere” in edicola, la richiesta ai contribuenti scenderà anche quest’anno. Infatti: «Il documento predisposto dal consorzio di bacino Coabser, e sulla base delle deliberazioni dell’Autorità di regolazione del mercato, l’Arera, evidenzia un valore complessivo da recuperare nella tariffa di cittadini e imprese pari a 4.295.0,94 euro, circa 40mila euro in meno rispetto al 2021» – ha ribadito Fogliato.
Il sindaco ha commentato: «I nostri dati evidenziano lungimiranza con l’introduzione nel 2017 del sacco conforme. Grazie alla collaborazione, alla dedizione e all’impegno di tutti i cittadini, ha incentivato fortemente il sistema di differenziazione e riduzione dei quantititativi» degli scarti, soprattutto quelli che finiscono in discarica a Sommariva Perno.
Fogliato ha concluso con altre cifre significative: «Siamo uno dei pochi comuni della nostra dimensione ad aver raggiunto percentuali di differenziata che superano il 90%; siamo tra i pochi ad aver ridotto di circa 1 quintale la quantità di rifiuti pro-capite nel giro di un triennio; uno dei pochi ad aver ridotto di circa 700mila euro in 5 anni l’importo complessivo della Tari. Dato, questo, che per circa la metà è direttamente collegato alla diminuzione dei costi di smaltimento dell’indifferenziato», avendo avuto meno tonnellate da trattare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button