CanaleROERO NORDROEROAttualità
In primo piano

Fiera del Pesco 2021: tanti indizi per un evento sulla via del ritorno

La Fiera del Pesco di Canale? Si farà, a quanto pare. E’ questo quanto trapela dalle parti del municipio: in via (per ora) ufficiosa, confidando sulle buone prospettive nella battaglia al Covid-19 in cui qui sta obiettivamente giocando un ruolo anche il lavoro del Poliambulatorio Asl di via San Martino.

Pare infatti che, dopo un anno di sosta forzata dall’emergenza sanitaria e dalle restrizioni normative in materia, la cittadina potrà riappropriarsi della propria manifestazione per eccellenza. Ancora sono prematuri i dettagli sul “cosa” e sul “come”, ma Amministrazione ed Ente Fiera del Pesco dovrebbero essere al lavoro per riportare in auge l’evento seppur in forma temporalmente ridotta. Dal giovedì alla domenica, nell’ultimo fine settimana di luglio: per un graduale ritorno alla normalità di cui c’è un gran bisogno, come si è visto – anche sotto lo stretto profilo delle iniziative a carattere pubblico – nell’ambito della tappa del Giro d’Italia che è rimasta nel cuore un po’ di tutti, da queste parti del Roero. I segnali di volontà in questo senso erano già emersi da parte della Giunta: e anche lo stesso sindaco Enrico Faccenda, pur raccomandando cautela, negli ultimi giorni ha lasciato intendere come le possibilità di una “nuova Fiera” ci siano, già da questo 2021 che altrove dovrebbe essere ancora avaro di eventi di piazza anche a causa di regole di gestione già complesse anche nel periodo precedente alla pandemia.

Anche perché già si è aperta la corsa alla raccolta dei premi per il banco benefico e solidale che accompagna da alcuni anni l’evento: coloro che vorranno dare una mano, offrendo oggetti di qualunque genere, purché in buono stato, potranno chiamare il 333/93.72.628.

Proprio a proposito di ciclismo e di “due ruote” in generale, pare che proprio in quei giorni dovrebbe prendere forma una corsa cicloturistica di rango: la quale potrebbe essere coordinata dallo staff dell’Asd Gran Roero e in particolare da Piero Sacchetto, che con l’amico di una vita Bruno Barbero aveva creato e portato avanti per 15 anni il Gran Premio del Roero Juniores “La primavera dei Campioni”.

Peraltro, portando qui prima della ribalta mondiale corridori all’epoca giovani ma promettenti: chiedere ai vari corridori-top di oggi come Mohoric, Bettiol, Felline, Pocagar per la conferma a tale dato di fatto, che mostra come la bici sia “di casa” qui a Canale oltre ogni colore rosa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button