ROERO ESTROEROCastellinaldoAttualità

Castellinaldo: Gli “Steli di Pietra” sulla Strada del Barbera

CASTELLINALDO – Prende forma, nel Roero del vino Barbera, ciò che sorse un tempo con orizzonti lontani: precisamente, con quel progetto “Vite ad Oriente” che mise in stretta correlazione i paesaggi legati a questo nobile frutto della natura e del tocco dell’uomo, con i temi dell’Estremo Oriente che nella Sinistra Tanaro trovano tracce in ciò che è il castello sabaudo di Govone e nell’immobile già sede della Bottega del Vino di Castellinaldo d’Alba.

Tutto nacque in quello che è, per eccellenza, il paese del Barbera: Castellinaldo, che si può fregiare addirittura di una specifica Doc che porta proprio il nome di questo piccolo centro roerino. Da lì, partì bilateralmente una strada d’amicizia con la Cina e anche un gemellaggio con la città di Siping, spunti per nuovi mercati turistici ed enoici, ma anche testimonianze solidee concrete. Segni forti, destinati a rimanere nel tempo: gesti come pietra, esattamente come gli steli ideati dallo studio di architettura Colombatto-Cravanzola sulla base di disegni dello scultore Riccardo Cordero, che ha donato i propri bozzetti come segno di arte “alta” ma anche come senso di partecipazione alla causa. Pietre che arrivano dalle valli cuneesi: ove, non a caso, le maestranze hanno spesso origine cinese.

Pietre che rappresentano in maniera astratta, l’impegno del lavoro nel vigneto e in cantina, sapientemente interpretati e realizzati dai più importanti laboratori artigiani di pietra di Luserna della Valle Infernotto. Creature silenti, eppure narranti: segni d’attrattiva itinerante che già avevano fatto la loro comparsa tra i paesi coinvolti nel progetto, tutti ospitanti almeno un sito viticolo vocato al Castellinaldo Barbera Doc. Ossia Canale, Castellinaldo, Castagnito, Govone, Guarene, Magliano Alfieri, Priocca e Vezza d’Alba. Guardando talvolta in là, in sedi prestigiose come il Cortile albese della Maddalena durante la fiera del Tartufo, e il Museo dell’Arte Orientale di Torino. Ora stanno trovando la loro casa definitiva, proprio in questi giorni: lungo la Strada del Barbera, nel solco del progetto “Arte e Paesaggio” curato dallo stesso studio originario.

Grande la soddisfazione del sindaco castellinaldese Giovanni Molino, il quale sta partecipando attivamente alla posa dei primi “pezzi d’autore” lungo quel sentiero fortemente voluto, ed ora frequentatissimo. Molino è sul pezzo, insieme ai Vinaioli di Castellinaldo sia per l’atto di promozione del territorio, sia per il lavoro materiale. E’ lì, sul campo, insieme ai propri colleghi sindaci: in un’o­perazione che sta portando gli steli in tutti paesi interessati, a San Sebastiano di Magliano Alfieri, a San Bernardo di Castagnito, al crocevia verso San Silverio tra Priocca, Castellinaldo e i territori maglianesi, tanto per citarne alcuni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button