CHERASCOAttualità

Cherasco: dopodomani il convegno on line sul nocciolo

CHERASCO – Dopodomani, giovedì 27 maggio, con inizio alle ore 17 si terrà il convegno in diretta streaming dal titolo “Il Nocciolo. Qualità e sostenibilità nella produzione” organizzato da Confagricoltura Cuneo, con il patrocinio della Regione Piemonte, in collaborazione con la Camera di Commercio di Cuneo, la Fondazione Agrion, il Consorzio di Tutela Nocciola Piemonte, il Comune di Cherasco e il portale NocciolaRe. 

L’incontro, che vede il nocciolo e la sua filiera assoluti protagonisti, rappresenta il naturale proseguimento, quest’anno a causa del Covid-19 in modalità online, del convegno che per sei edizioni consecutive si è svolto a Cherasco, attirando l’attenzione crescente di centinaia di aziende e operatori corilicoli non solo della provincia di Cuneo e del Piemonte, ma anche di tutta Italia. 
Per partecipare è obbligatoria l’iscrizione al sito  www.confagricolturacuneo.it  o al link https://bit.ly/2RRDi1O . Per maggiori informazioni contattare la segreteria organizzativa al numero 0171/69.21.43 (interno 5). Sarà possibile inviare domande ai relatori alla email: eventi@confagricuneo.it.
Dopo i saluti di Enrico Allasia, presidente di Confagricoltura Piemonte e Cuneo, Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte, e Marco Protopapa, assessore all’Agricoltura, il convegno entrerà nel vivo con le seguenti relazioni: “Progetto filiera corilicola sostenibile in Piemonte” di Gianni Comba, (Inoq – Istituto Nord Ovest Qualità); “La cascola anticipata dei frutti nel nocciolo” di Nadia Valentini (Disafa – Università di Torino); “L’avariato, un problema per la qualità delle nocciole” di Ivano Scapin (AgroTeamConsulting) e “L’irrigazione sul nocciolo” di Dario D’Arrico (Product Manager Netafim Italia).
Il convegno è valido per il rilascio di crediti formativi per gli iscritti al collegio interprovinciale dei periti agrari e dei periti agrari laureati di Alessandria, Asti, Cuneo, Torino e Valle d’Aosta e per i dottori agronomi e dottori forestali di Piemonte e Valle d’Aosta.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button