BRAScuola

Bra: settimana della lingua madre alla Scuola Montecatini

BRA – Occhi che sorridono, sguardi che parlano, mani che curano, mani che accarezzano, e ancora voci, tante voci che cantano, voci che chiamano… è mai riuscito qualcuno in poche parole a descrivere una mamma? Quanti gesti nascono dalle loro mani per tradursi in puro amore per i propri figli? Quanto contano le differenti nazionalità o i differenti usi e costumi se paragoniamo la cura che deriva dall’ istinto materno? Con molta umiltà ma perseveranti come sempre hanno provato a rispondere a queste domande le docenti della scuola d’infanzia Montecatini di Bra durante lo svolgimento della consueta settimana della “lingua madre” che, seppur in ritardo per le ormai note chiusure scolastiche legate all’emergenza sanitaria, si è regolarmente svolta nella seconda settimana di Aprile.

Una settimana intensa dedicata proprio alle mamme, per parlare di loro e conoscerle più a fondo perché non basta più essere teorici, l’intercultura è una grande parola solo se messa in pratica e vissuta sul campo. Da anni l’occasione per parlare delle mamme invitandole a portare a scuola qualcosa di loro, delle loro usanze e della loro cultura si presenta proprio durante questa settimana, in queste occasioni non esistono frontiere o difficoltà, ogni mamma ritaglia del tempo per partecipare attivamente allo svolgimento di questo programma speciale.

Con l’emergenza sanitaria e le doverose restrizioni pareva impossibile quest’anno riuscire nel nostro intento ma, ancora una volta, l’ inventiva e l’entusiasmo hanno abbattuto le difficoltà. Seppur in modo virtuale ogni mamma ha contribuito a realizzare attività bellissime e significative registrando canzoni nella lingua d’origine da far ascoltare ai piccoli e acconsentendo a posare per ritratti fotografici da cui estrapolare l’ essenza dello sguardo, gli occhi, che parlano comunque d’amore nonostante i visi siano per ora parzialmente nascosti dalle mascherine. Con pazienza ogni mamma ha tradotto per noi le parole gentili nelle lingue d’origine permettendoci così di agganciare il discorso sulle varie nazionalità,  sulle bandiere e sui loro inni. Grande è stata l’emozione per noi nel vedere la meraviglia negli occhi dei piccoli quando riconoscevano da una foto o nella voce proprio la loro mamma! Ora a lavoro concluso rimangono le tracce tangibili di questa esperienza nei disegni dei bambini , nelle foto raccolte e nella gratitudine che come sempre dobbiamo ad ogni mamma.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button