Dal CuneeseCRONACA

Gdf Cuneo: nell’operazionie “Piazza di Spagna” smantellata associazione a delinquere e sequestrati beni per 25 milioni di euro

CUNEO – Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale  hanno condotto, nelle scorse settimane, una vasta operazione di Polizia economico-finanziaria che ha interessato, oltre alla Provincia “Granda”, anche altre località in Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania e Calabria e che ha permesso di scardinare un’articolata associazione a delinquere, dedita alla commissione di complesse frodi fiscali.

Sono stati oltre 70 i militari impiegati nell’esecuzione di un provvedimento di sequestro di beni e disponibilità per 25 milioni di euro emessa dal G.I.P. del Tribunale di Cuneo – dott. Alberto Boetti – dopo due anni di investigazioni, coordinate dalla locale Procura – dott.ssa Carla Longo.

Le indagini sono state svolte dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Cuneo nei confronti di un sodalizio criminale, operante su tutto il territorio n

Il sofisticato meccanismo di frode ha visto coinvolte nr. 6 società, tutte con sede in Roma, ed è stato reso possibile anche grazie alla compiacenza di due professionisti, che apponevano il visto di conformità sulle dichiarazioni fiscali contenenti il credito inesistente, venendo ricompensati di questa condotta illecita attraverso una percentuale sul risparmio tributario indebitamente ottenuto.

Tra i beni oggetto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca figurano nr. 21 immobili (tra cui, un prestigioso appartamento in un quartiere di lusso in Roma), nr. 33 terreni, nr. 6 autovetture e quote societarie di n. 27 società (quest’ultime per un valore nominale di oltre 1 milione di euro).

Il servizio in corso costituisce ulteriore dimostrazione della costante attenzione che la Guardia di Finanza di Cuneo (anche in questi difficili momenti in cui la priorità è la salvaguardia della Salute Pubblica) nell’ambito dell’azione di prevenzione e repressione dell’evasione fiscale, rivolge al contrasto delle più articolate ed insidiose frodi ai danni dell’Erario nazionale.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button