ALBAScuola

La scuola Enologica sbarca a Capo Verde, parte il progetto di formazione nel piccolo arcipelago africano

ALBA – Il sogno diventa realtà. Il 20 gennaio inizieranno ufficialmente le lezioni della prima Scuola Enologica di Capo Verde, il piccolo arcipelago africano in mezzo all’oceano Atlantico. L’intuizione di coltivare viti in queste brulle isole, afflitte da una grande povertà, era partita da un frate cappuccino originario di Racconigi, padre Ottavio Fasano, missionario da tempo impegnato ad aiutare la popolazione di questo remoto angolo del Continente nero. Il suo sogno? Produrre vino sulle pendici del vulcano Fogo e aprire una scuola enologica nell’arcipelago, per avviare i ragazzi del posto ad una nuova professione. Il 20 gennaio, trenta giovani capoverdiani inizieranno il loro nuovo corso di studi, della durata di due anni.

Un “miracolo” che si è potuto realizzare grazie soprattutto all’Istituto Umberto I. Saranno infatti proprio i docenti della Scuola Enologica albese che nel corso di questi due anni si alterneranno dietro le cattedre, con turni di 15 giorni. L’apertura della prima scuola Enologica capoverdiana rappresenta l’ultima fase di un progetto che ha già visto la realizzazione, sul brullo arcipelago, della Vinha de Maria Chaves e della Cantina Monte Barro dove, pur tra mille difficoltà e condizioni climatiche quasi proibitive, si producono ottimi vini bianchi e rossi per dare supporto economico alle attività sociali in favore del popolo capoverdiano. Grandissima soddisfazione per l’imminente avvio del progetto è stata espressa da Padre Ottavio: «Con la buona volontà, qualche volta i sogni si avverano. Fogo è una delle isole più povere dell’intero arcipelago capoverdiano e noi siamo convinti che il vino possa essere una strada per darle un futuro migliore. La nascita di una scuola enologica può essere l’inizio di un cambiamento storico per questa terra. L’obiettivo è fornire agli studenti capoverdiani, una formazione adeguata nel settore vitivinicolo, linguistico e culturale, grazie a specialisti del settore e stage nelle a­ziende vitivinicole dell’albese».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button