LANGHEROEROAttualità

1,6 milioni di euro dal Gal per recuperi architettonici e paesaggistici in Langhe e Roero

È stato pubblicato il bando del Gal (Gruppo di azione locale) Langhe Roero Leader a sostegno degli interventi di riqualificazione degli elementi tipici del paesaggio e del patrimonio architettonico rurale in ottica di fruibilità pubblica, turistica e di accessibilità. E’ rivolto sia agli enti pubblici locali (singoli Comuni o Unioni di Comuni) sia agli enti privati senza scopo di lucro con personalità giuridica, purché aventi sede legale e operativa in uno dei comuni del Gal e proprietari dei beni o aventi titolo ad intervenire.
Il bando – che si colloca nell’ambito del Psr 2014-2020 della Regione Piemonte  – ha una dotazione finanziaria di 1,6 milioni di euro. Sosterrà con un contributo a fondo perduto (pari al 60% per gli enti pubblici e al 40% per gli enti privati) interventi virtuosi di conservazione del patrimonio architettonico e naturale esistente che sapranno integrare gli elementi tradizionali con funzioni turistiche compatibili, pienamente fruibili al pubblico e accessibili a tutti.
Gli investimenti oggetto di contributo potranno variare da un minimo di 15.000 euro a un massimo di 100.000 euro per gli interventi architettonici e 25.000 euro per quelli naturalistici. Le domande di sostegno dovranno essere presentate entro la scadenza di lunedì 18 febbraio 2019 (ore 12 in via telematica, ore 18 in forma cartacea per gli elaborati grafici), con le modalità e nei termini indicati sul bando dedicato. Il livello di progettazione richiesto è quello definitivo, con la possibilità di presentare in fase di candidatura l’impegno a richiedere le autorizzazioni agli Enti competenti.
Spiega il presidente del Gal Langhe Roero, l’europarlamentare albese Alberto Cirio: «Nell’ottica di tutelare un’area eterogenea e singolare come quella di Langhe e Roero, desideriamo salvaguardare le tracce storico-artistiche, paesaggistiche ed ambientali che hanno formato nei secoli la nostra comune identità culturale. Dobbiamo in tal senso guardare al futuro ed incoraggiare le buone prassi di tutela del paesaggio naturale e costruito, soprattutto a supporto dell’offerta turistica del territorio e dell’accessibilità, per rendere i nostri borghi sempre più belli e attrattivi: nuove sfide da cogliere come opportunità e non come limitazioni, in un’ottica di conservazione e innovazione che sempre devono andare di pari passo».
Strumento fondamentale a cui attenersi per il progetto di recupero dei beni da candidare sul bando sarà la nuova “Guida al recupero dell’architettura tradizionale e del paesaggio rurale del Gal Langhe Roero Leader”, contenente gli indirizzi e le indicazioni operative per il recupero di nuclei storici, edifici con caratteristiche architettoniche tradizionali, manufatti ed elementi tipici del paesaggio di Langhe e Roero.
La Guida, liberamente scaricabile dal sito web del Gal nella sezione “Programma Leader 2014-2020”, dovrà essere recepita dai Comuni quale allegato al Regolamento edilizio. Infatti, coloro che intenderanno partecipare al bando dovranno trasmettere, unitamente alla domanda di contributo, la Delibera di Consiglio comunale di recepimento di tale Guida oppure l’impegno, sottoscritto dal sindaco del Comune in questione, ad adottare la suddetta delibera.
Il Gal organizza due incontri informativi pubblici, nelle date di mercoledì 23 gennaio a Bossolasco alla sala conferenze dell’Unione Montana Alta Langa e venerdì 25 gennaio ad Alba all’Associazione Commercianti Albesi. Entrambi inizieranno alle ore 17.30 per fornire informazioni utili e per “accompagnare” gli Enti nello sviluppo di progetti il più possibile in linea con gli obiettivi perseguiti dal bando. 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button