LANGA DEL BORMIDALANGHEBergoloAttualità

Bergolo: i premiati per la Fedeltà alla Langa

Sono Gemma Boeri, Attliio Clerico e Fernando Gallo gli insigniti della 49ª edizione del Premio Fedeltà alla Langa. Lo ha deciso, riunitasi a Bergolo, la giuria guidata dal sindaco di Cortemilia, Roberto Bodrito, anche presidente dell’Unione di Comuni della zona alta di queste colline, e formata da: Stefano Rosso in rappresentanza della Provincia di Cuneo, Elisa Motta della Pro loco bergolese, Gianni Balbiano sindaco di Pezzolo Valle Uzzone, Gabriele Molinari di Castelletto Uzzone, Walter Truffa di Perletto e Mario Marone primo cittadino di Bergolo. Una triplice assegnazione pari merito, con le seguenti motivazioni.

Gemma Boeri. Nata a Roddino il 12 giugno 1949 e ivi residente, ha il viso “genuino” dei veri figli di Langa. Viene da famiglia contadina ed è per la sua terra una vera e propria “istituzione”. La vita in campagna è stata un elemento fondamentale della sua formazione. L’“Osteria da Gemma” conosciuta oltre i confini nazionali, è diventata uno dei “santuari” della cucina tradizionale contadina, oggi più che mai ricercata e ambita dai veri intenditori del magiare sano. Nel periodo dove molti chef stellati creano piatti “nouvelle cusine” , qui Gemma mantiene da sempre un menù della semplice tradizione e serve anche lavoratori, essendo il costo del pasto politico, salvaguardando il bene del cibo come diritto all’alimentazione della vita.

Attilio Clerico. Nato a Bossolasco il 14 maggio 1951 e ivi  residente, ha svolto attività di contadino nella cascina del padre, nel frattempo si è diplomato conseguendo successivamente la laurea in Medicina e Chirurgia nel novembre 1977. Nel 1978 accetta l’incarico di medico condotto e ufficiale sanitario nel comune di Bossolasco. Transitato nel 1981nel sistema Sanitario nazionale, svolge attività di medico di famiglia e di guardia nei distretti della Langa fino al 1992. Dal 1992 al 2018 è alle dipendenze dell’Asl ora Cn2 in qualità di dirigente del servizio di Igiene e Sanità presso la sede di Alba. Durante la recente emergenza Covid e la carenza del personale sanitario, ha accettato di svolgere a titolo gratuito le funzioni di direttore sanitario della casa di riposo di Serravalle Langhe e delle case di riposo “Villa Mons. Sampò” e “San Pantaleo” in Cortemilia. Continua a dare suggerimenti e consigli a chi necessita di attenzioni sanitarie, in forma gratuita.

Fernando Gallo. Nato a Castelletto Uzzone il 20 dicembre 1935 e ivi residente. Il legame affettivo con la propria terra si esprime in tanti modi, raccontandola con parole, con musica, dipingendola, nel caso di Fernando dialogando con la parte più dura, la pietra. Comincia 17 anni, per arrivare a 87 e continuare ancora oggi un dialogo mai interrotto con l’arenaria di Langa, duttile ma resistente nei secoli. Chi l’ha detto che le pietre non parlano? Sembrano dirgli “guarda io sono adatta per l’angolo del muro”, oppure “io vado bene per quel muretto curvo”. Così Fernando continua un lavoro, ma soprattutto un piacere, l’amore per un mestiere in via di estinzione. L’Amministrazione comunale lo ha voluto come membro della commissione Edilizia, non per titoli di studio, ma per esperienza e passione dimostrata, un po’ come una laurea honoris causa. 

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button