Dal CuneeseAttualità

Beppe Ghisolfi Leone d’Oro, Borgna: “Omaggio a un amico e a una Provincia protagonista nazionale e internazionale”

Il conferimento del Leone d’oro al Professor Beppe Ghisolfi, Banchiere internazionale e scrittore, viene salutato con gioia e con sentimenti di viva e sincera adesione dalle massime cariche istituzionali della provincia Granda. In tale ottica si colloca il messaggio inviato dal Primo cittadino di Cuneo e Presidente dell’amministrazione provinciale Federico Borgna, che nello scorso ottobre ha rappresentato il proprio Comune capoluogo nella cerimonia di assegnazione, allo stesso Professor Ghisolfi, del titolo di Uomo di Mondo dell’anno.
Le felicitazioni del Sindaco Presidente Federico Borgna sono così espresse:
“Come Sindaco di Cuneo e Presidente della Provincia mi associo con molto piacere al comune plauso verso il banchiere, scrittore e soprattutto amico Beppe Ghisolfi che questo venerdì 25 marzo riceverà a Venezia il premio internazionale Leone d’oro alla carriera.
Mi complimento per il prestigioso Premio che rappresenta un importante riconoscimento all’impegno a favore della diffusione della cultura finanziaria e della educazione economica delle nuove generazioni nel nostro territorio e in tutta Italia.
Insegnare ai giovani la cultura del risparmio, le regole e gli ingranaggi del mondo economico, le prospettive di investimento sono elementi fondamentali per lo sviluppo e l’innovazione di un Paese, soprattutto in un momento così difficile per l’economia italiana e mondiale.
Il riconoscimento rende omaggio alle competenze professionali di Ghisolfi, alla sua autorevolezza in ambito economico-finanziario che ha dimostrato anche come presidente, per lunghi anni, della Cassa di Risparmio di Fossano oltre a ricoprire numerosi incarichi e riconoscimenti in enti e organismi istituzionali a livello nazionale e internazionale. Ma rende anche onore alla sua amata terra cuneese, a questa provincia Granda che con caparbietà ed impegno punta ogni giorno a crescere e svilupparsi oltre i confini nazionali”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button