ALBACRONACA

Banda di truffatori che ha colpito anche a Cortemilia incastrata dai carabinieri albesi

I Carabinieri della Compagnia di Alba hanno da poco comuniato di aver denunciato 14 persone, tutte italiane, ritenute responsabili di un’associazione a delinquere finalizzata alle truffe e alla sostituzione di persona.
Riferisce la nota inviata dall’Arma ai giornali: «La banda, che poneva la propria base operativa tra Milano e l’hinterland di questa metropoli, era dedita a compiere articolate truffe nei confronti di medie e grandi aziende su tutto il territorio nazionale. Di volta in volta i suoi componenti si fingevano appartenenti a grandi catene di distribuzione attraverso la creazione di falsi account di posta elettronica e siti internet riprodotti a regola d’arte. Attraverso questo schema criminale collaudato, siglavano con ignari imprenditori svariati contratti da migliaia di euro di merce che facevano successivamente scaricare in piazzali di smistamento compiacenti tra l’alessandrino e il milanese».
Prosegue il comunicato: «I militari albesi, attraverso il coordinamento delle Procure di Asti e Milano, hanno scoperto numerose truffe per un valore totale di oltre 350.000 euro. L’attività investigativa, iniziatadalla sottrazione truffaldina di diverse tranche di nocciole dal valore commerciale di oltre 200.000 euro nei confronti della Marchisio Nocciole di Cortemilia, ha dato la possibilità di fare luce sulle illecite attività di un’associazione a delinquere capace di muoversi su tutto il territorio italiano e non solo. Tra le truffe scoperte e sventate dai Carabinieri degne di nota, si ricordano anche:
– ad Amburgo in Germania, nei confronti della ditta “Jebsen & Jessen” attraverso la sottrazione di 26 tonnellate di acido citrico dal valore di oltre 30.000 euro recuperati in un capannone nel comasco e restituiti ai legittimi proprietari;
– in Montespertoli (Fi), nei confronti di una ditta di tessuti attraverso il tentativo di sottrazione, sventato dai carabinieri albesi, per oltre 70.000 euro di tessuti grezzi;
– in Osimo (An) nei confronti di una ditta truffata per oltre 50.000 euro avendo inviato 20 quintali di salmone preaffettato».
I denunciati dovranno difendersi in Tribunale a Milano dall’accusa di di truffa aggravata in concorso e sostituzione di persona.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com