Auto “tagliano” pericolosamente la provinciale 12

Alla rotatoria presso via Industria. Avvengono le infrazioni segnalate in Consiglio comunale

Per oltre 12 ore di un giorno lavorativo ha monitorato il traffico alla rotatoria della Sp 12 Fondovalle Tanaro a Moglia, rilevando che su 2.023 vetture transitate in direzione da Monchiero verso Cherasco, 168 hanno “tagliato” la corsia opposta per imboccare così l’afferente via Industria. Questo «nonostante la segnaletica di divieto e le barriere jersey» – ha fatto notare Paolo Tibaldi, l’esponente del gruppo di minoranza Cherasco Viva che ha sollevato il problema con un’interpellanza in Consiglio comunale. Si tratta di un grave pericolo: queste infrazioni al Codice della strada espongono al rischio di schianti con un’incidenza «di punta» di 35 casi in una sola ora.

Il vicesindaco e assessore alla Viabilità Carlo Davico rispondendo si è prima complimentato con Tibaldi «per la costanza» con la quale ha condotto la sua analisi. Poi ha fatto capire che non sarà facile «risolvere tempestivamente» il problema, come auspicato dal consigliere. «La Fondovalle è competenza della Provincia» – ha proseguito Davico annunciando un’intensificazione dei controlli da parte dei vigili. «Essi però sono pochi e hanno da tenere d’occhio un territorio vasto, fanno quello che possono». Tibaldi ha proposto l’installazione a Moglia di una videocamera per foto-multe. L’assessore ha convenuto sul potenziale preventivo della videosorveglianza, ma ha eccepito su costi e complicazioni perché il sistema dovrebbe tener conto delle «deroghe concesse a residenti e dipendenti delle ditte insediate».

Davico ha concluso dicendo che Cherasco proporrà alla Provincia di riposizionare e magari estendere la barriera in jersey per impedire agli automobilisti la manovra proditoria inducendoli a fare sempre il percorso “lungo”. Impiegheranno un minuto e un po’ di strada in più, ma in sicurezza.