Dal CuneeseAttualità

At-Cn: gli ambientalisti tornano ad attaccare la politica che li censura

«Siamo molto soddisfatti per l’esito della serata di ieri» – scrivono in un comunicato dall’Osservatorio per la tutela del paesaggio di Langhe e Roero, che ha organizzato l’incontro sulla mobilità integrata e sostenibile nelle nostre zone. Si è svolto al Palazzo Mostre e Congressi di Alba.

Proseguono gli organizzatori: «Un centinaio di persone erano presenti in sala e parecchie decine erano collegate in streaming. C’è stata una efficace interazione tra i relatori (Cesare Cuniberto e Guido Chiesa per l’Osservatorio, Angelo Porta per Legambiente, Marco Ravina per la Fiab e Fulvio Bellora per Comis) e il pubblico in sala. Finalmente anche una parte della politica presente ha iniziato a sostenere le nostre tesi, il tunnel di Verduno al posto del viadotto previsto per completare l’autostrada Asti-Cuneo, la gratuitа della tratta Castagnito-Cherasco e ha confermato la piena adesione al tema ciclabili e ferrovia. C’и anche la disponibilitа ad un confronto sui temi e sulle proposte presentate sulla viabilitа albese. Potremmo lavorare concretamente insieme se anche la parte della polita assente accettasse il confronto».

Attaccano dall’Osservatorio: «Va rimarcata la quasi totale assenza del Comitato tecnico, della Giunta di Alba, dei sindaci del territorio interessato alle opere in costruzione, delle associazioni di categoria dei trasportatori e degli agricoltori. Ordini superiori non permettono più di esprimersi liberamente e manca il coraggio necessario per prendere le decisioni giuste»

Prosegue la nota: «Cosa chiediamo alla politica a al Comitato tecnico dell’autostrada? I risultati dello studio comparativo del lotto 2.6a (tra tunnel e tracciato esterno); il sostegno alla gratuità e l’accesso ai mezzi agricoli all’ex tangenziale di Alba; l’aggiornamento analitico del cronoprogramma del lotto 2.6b, del 2.6a e del 2.5; la certezza del ripristino delle piste ciclabili “La via del mare” e “Bar2Bar”; che venga presa in considerazione la nostra proposta per la viabilità albese, il raddoppio del ponte albertino e un nuovo percorso con la galleria di Santa Rosalia; la riattivazione delle linee ferroviarie sospese con un modello di esercizio adeguato».

Conclude: «Noi andremo avanti e faremo il necessario, vogliamo essere “il sindacato che dà voce al territorio che non può parlare. Ci rivedremo tutti nel prossimo convegno di inizio primavera».

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button