ROERO SUDROEROSommariva PernoDal Comune

Sommariva Perno: In arrivo mezzo milioni di euro destinati alla sicurezza

C’è il “sì” della Giunta del sindaco Walter Cornero, a Sommariva Perno, riguardo ad un importante progetto: quello legato ai lavori di riduzione del rischio idrogeologico nel concentrico del capoluogo. L’intervento, che ammonta a complessivi 430mila euro, sarà reso possibile grazie soprattutto a fondi esterni: quelli garantiti con decreto del Ministero dell’Interno di concerto con il Ministero dell’economia e delle Finanze: che, facendo seguito a due distinte domande di contributo partite dal Comune della Bela Rosin (una a gennaio 2020, l’altra nel settembre dello stesso anno), ha “premiato” le ambizioni municipali. Due le sovvenzioni ricevute: una da 40mila a sostegno delle spese di progettazione definitiva ed esecutiva – come da documento ora approvato dall’organo esecutivo comunale, e redatto dall’ingegner Paolo Portesan – e l’altra da 388.719 euro che risulta ora decisiva per mandare in porto l’operazione.

La consegna dei lavori, secondo il cronoprogramma validato a livello ministeriale, è prevista per il mese di gennaio del 2022. Le attività fanno parte di un più ampio progetto da 900mila euro già ipotizzato da alcuni anni: e che si materializzerà mediante azioni di integrazione e manutenzione della fognatura esistente senza intervenire nella manutenzione delle reti viarie. Nel concreto, si provvederà a sistemare la rete fognaria delle acque bianche del concentrico in corrispondenza di via Roma tra il tratto compreso tra via San Rocco, strada Sapelletto ed il canale che attraversa la strada Provinciale in località Piano. «Analizzando l’impatto delle opere in progetto dal punto di vista ambientale – così come è stato esposto dallo stesso progettista – che non sussistono particolari problemi dal punto di vista visivo: infatti, a lavori ultimati, tutti manufatti risulteranno completamente interrati. Dal punto di vista ambientale invece si avrà un notevole miglioramento delle condizioni igieniche evitando allagamenti e riflussi della fognatura esistente».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button