dal PiemonteAttualità

Arriva la Brutella, imitazione russa della Nutella

Potere dell’autarchia? Colpa della guerra in Ucraina? La risposta è difficile da dare. Certo è che vedere in commercio un barattolo di crema spalmabile, che inequivocabilmente si ispira alla nostra amatissima Nutella fa strabuzzare gli occhi. Non si tratta di una proposta alternativa, ma di un vero e proprio plagio, che parte dall’aspetto del prodotto e prosegue anche con la grafica. La Brutella (questo il nome della crema) è prodotta in Russia, ma non è il frutto dei blocchi commerciali decisi all’indomani dell’invasione ucraina. Non sappiamo con precisione da quando sia entrata in commercio, ma di certo era già disponibile nel 2021 al prezzo di 99 rubli, poco meno di due euro. Dal punto di vista dell’analisi organolettica ci affidiamo ad una recensione pubblicata sul sito irecommend.ru da un utente, che spiega con dovizia di particolari tutti i dettagli di quanto ha appena degustato. Poiché tutto è scritto in cirillico ci siamo affidati al traduttore di Google che ci ha svelato il giudizio del blogger. Tralasciando i valori nutritivi ci soffermiamo sul pakaging: «La pasta – spiega Asiaymakeup – è confezionata in un barattolo di vetro con un adesivo su di esso. Non si sono preoccupati del design, hanno fatto una foto simile a quella della Nutella, nessuna originalità». La composizione? Dentro il barattolo troviamo: zucchero, oli vegetali, cacao in polvere, siero di latte in polvere, nocciole tostate, latte scremato in polvere, emulsionante (lecitina di soia), sale, aromi, antiossidante (E306). Chiudiamo con i sensi e vi diciamo che secondo il blogger «il profumo è gradevole, ma il gusto non si avvicina minimamente alla Nutella, anzi ha un sapore più chimico». Se qualcuno volesse provarla dovrà aspettare la fine della guerra, ma alla fine ne varrà la pena?

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button