Annalena Benini direttrice 2024-26 del Salone del Libro

0
2

La scrittrice Annalena Benini sarà la direttrice del Salone internazionale del Libro di Torino per il triennio 2024-2026.

 

La presentazione nel Salone delle Feste di Palazzo Madama alla presenza del presidente della Regione Piemonte, del sindaco di Torino e del presidente dell’Associazione Torino la Città del Libro.

Il Presidente della Regione ha sottolineato come in questo modo venga data al Salone la prospettiva di una direzione futura in continuità con quell’eccellenza che lo ha sempre contraddistinto. Il nome di Annalena Benini rappresenta tutto questo e arriva come risultato di una serietà di metodo e di merito, che ha visto le istituzioni, insieme ai soci privati e al Circolo dei lettori, condividere un nome di alto livello e qualità, segno ancora una volta che quando le scelte importanti si fanno insieme non possono che portare al bene di una comunità.

Annalena Benini, che prenderà il posto di Nicola Lagioia, è nata a Ferrara e vive a Roma. Giornalista e scrittrice, dal 2001 è al Foglio, dove scrive di cultura, persone, storie e per il quale dirige la rivista culturale Review, cura la rubrica di libri Lettere rubate, che esce ogni sabato, e l’inserto Il Figlio. Ha pubblicato “La scrittura o la vita. Dieci incontri dentro la letteratura” (Rizzoli, 2018), curato per Einaudi l’antologia “I racconti delle donne (2019) e ha in pubblicazione “Annalena”. Per la Rai ha scritto e condotto i programmi televisivi “Romanzo italiano” e “Pietre d’inciampo”.

“Sono molto felice di questo incarico – ha commentato Benini – Per me il Salone del libro di Torino è da sempre un posto importantissimo in cui andare ogni anno, a cui pensare ogni anno da lettrice e da persona che scrive: è il posto dei libri, dei lettori, degli scrittori, degli editori e della cultura che si muove. Ho imparato nel tempo a capire che il Salone è tutto questo, ma è anche molto di più. Mi sento

anche molto fortunata perché posso continuare a osservare il lavoro bellissimo, importante, che hanno fatto Nicola Lagioia e tutta la squadra. Riparto da qui e per me è davvero un grande e inaspettato onore. Sono grata a questa città che mi ha sempre accolto e dato l’opportunità di fare cose belle e sono consapevole della responsabilità che ho appena accettato: farò il massimo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui