In Alta Langa disputata Coppa Europa per cani da seguita al cinghiale

Nessuno sparo da fucile, solo l’abbaiare dei cani da seguita al cinghiale si sentiva tra boschi e prati dell’Alta Langa, in vari paesi delle Valli Bormida, Uzzone fino ai confini con l’Astigiano. Si è svolta a Torre Bormida la nona edizione della Coppa Europa organizzata dal club Bleu de Gascogne e dall’Unione segugisti delle Langhe con l’aiuto dei cacciatori dell’Atc Cn5. Cinquecento i partecipanti provenienti dalla Francia e dall’Italia, in particolare da Piemonte, Liguria, Umbria, Marche, Lazio e Sardegna. Hanno gareggiato 12 mute di cani di razza da seguita tipiche del Mezzogiorno francese (tra queste i Porcelaine, gli Ariegeois, i Briquet Griffon) e 18 concorrenti singoli. L’obbiettivo era di qualificarsi alla finale del campionato italiano che si disputerà il 28 e il 29 aprile a Punta Alta, nel Grossetano.