More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Alle scuole del Roero il premio del Rotary Club

    spot_imgspot_img

    Pomeriggio memorabile, quello vissuto dal Rotary Club Canale-Roero martedì scorso: con la fase finale del concorso “Noi dopo di voi”, rinnovato a partire da una serie di contatti e di letture in classe che hanno posto al centro gli alunni delle scuole e la socia e scrittrice Franca Benedusi.

    Il Club ha voluto incontrarsi con i plessi partecipanti, quelli della scuola primaria di Monteu Roero e Canale, per premiare i lavori pittorici e grafici i quali hanno fatto seguito ad una serie di contatti in classe, tra i bambini, gli insegnanti e la stessa autrice. Il tutto si è rivelato come una vera e propria cerimonia premiale, tenuta presso la Confraternita dell’Annunziata di Guarene: vera e propria monumentale “casa” per il Club, e resa ancora più vivace dalla giovane platea delle classi scolastiche coinvolte. Dopo il saluto del presidente Sergio Rolfo, l’evento è stato condotto dalla socia (e insegnante emerita) Rossella Costa, con l’intervento della dirigente canalese Manuela Torta e della stessa Benedusi.

    Il suo è stato un intervento molto profondo: «Desidero ringraziare i bambini delle scuole di Vezza, Canale, Montaldo e Monteu Roero, la dirigente Manuela Torta, le insegnanti Caterina Lauro, Wilma Berbotto, Roberta Valorzi, Maria Ferraro, Milena Merlo, Anna Maria Rabino, Federica Margulli, Irene Costa, e il dottor Sergio Rolfo, presidente del Rotary Club Canale-Roero. Intendo esprimere tutta la mia riconoscenza per avermi dato la possibilità di vivere ore davvero particolari, vissute con profonda emozione. Negli incontri si è parlato di amicizia, solidarietà, gioia, dolore, amore, paura, fatica, sogni, delusioni e determinazione.

    La tecnologia, volutamente, è stata dimenticata per lasciare spazio alle voci del cuore, risorse indispensabili per il bene del mondo intero». Argomenti “forti”: e condivisi anche dagli stessi ragazzi, in un’azione che sa anche di accresciuta consapevolezza. Inevitabile, e doveroso, nella narrazione condotta tra le aule, il riferimento al cosiddetto “mondo di Lunetta”: la frazione langarola di cui è originaria la scrittrice, è che rappresenta un corpus che è allo stesso tempo cultura, memoria e anche prospettiva futura: come, del resto, l’intero tema di questo vero e proprio concorso ormai divenuto una tradizione capace di baciare all’unisono le due sponde del Tanaro.

    La Benedusi ha proseguito: «Vorrei rivolgere un grazie particolare alle maestre perché hanno saputo, nel leggere i racconti, guidare i ragazzi a cogliere vivamente ogni sensazione e le emozioni provate dai personaggi dei racconti. Sono convinta che le emozioni, se cercate e vissute, ci rendano migliori e tendano a guidarci verso il rispetto per noi stessi e per gli altri». Come esposto da Rolfo, la cerimonia è “solo” la fase centrale di un cammino che anche quest’anno si concretizzerà in un ulteriore, successivo passo. Ad ottobre, una delegazione del Rotary Club Canale-Roero sarà di nuovo in visita tra le classi qui riconosciute e premiate. Ciò, per ottemperare la consuetudine del rito della “timbratura” dei libri acquisiti con i premi in denaro consegnati martedì, come suggello di tale esperienza.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio