Allarme Pfas nell’acqua potabile ora tocca anche molti comuni del cuneeese

Le molecole cancerogene sono state rinvenute in molti comuni nelle zone di Cuneese, Alessandrino e Torinese. Altri campionamenti sono ora in corso

0
115

Le analisi – e i conseguenti allarmi – erano partiti dalla provincia di Alessandria. Ma adesso l’emergenza si è allargata a macchia d’olio, e interessa ora anche un centinaio di Comuni delle province di Cuneo e Torino. Nelle acque potabili che sgorgano dai rubinetti sono state trovate contaminazioni da Pfas, una molecola classificata come cancerogena per gli esseri umani. Secondo i campionamenti indipendanti che sta realizzando in questi giorni Greenpeace, sarebbero almeno 125.000 le persone di queste province che potrebbero aver bevuto acqua inquinata da Pfas. Ma si tratta di una cifra al ribasso, in quanto le nuove campionature in corso continuano ad allargare sempre di più l’area contaminata.

(LEGGI ARTICOLO COMPLETO SU EDIZIONE DEL CORRIERE IN EDICOLA DOMANI LUNEDI 12 FEBBRAIO)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui