Dal CuneeseBocceSPORT

Alla bocciofila Acli di Centallo 250 studenti si avvicinano al gioco delle bocce

Il circolo Acli “Bocciofila centallese asd” di piazza don Gerbaudo è sempre attiva e propositiva e, oltre alla consueta scuola di bocce, sta portando avanti in questo periodo una importante iniziativa con i ragazzi delle scuole cittadine. Per tre settimane, quattro volte alla settimana, durante le ore di lezione di scienze motorie, circa 250 studenti delle elementari e delle medie di Centallo, a turno, seguono delle lezioni di avvicinamento a questo sport, impartite da Bruno Actis, direttore sportivo della Bocciofila Centallese e componente del direttivo; Sergio Bottero, responsabile del settore giovanile per il circolo e socio, Franco Calmo, socio, Alda Giuliano, Rosella Raviola e Nadia Roasio, che fanno parte del direttivo.
“L’iniziativa è nata per volontà del Comune con il sindaco Pino Chiavassa, e da Sergio Bottero – dice Bruno Actis –; è un impegno importante, anche un po’ faticoso, ma lo facciamo molto volentieri. Di solito i ragazzi sono entusiasti e vorrebbero imparare tutto subito, ma ci vuole tempo e dedizione. Lavorare con loro è bello e poi insegniamo una cosa che a noi piace. In questo modo cerchiamo di coinvolgere più gente possibile, soprattutto giovani”. Gli studenti vengono divisi in squadre e, alla presenza dell’insegnante, imparano i primi rudimenti, prima con le palline da tennis e poi con le bocce vere e proprie, anche se un po’ più piccole: “In tre settimane non riescono a imparare tutto, ma un primo abbozzo ce l’hanno– dice Sergio Bottero –; e poi se qualcuno vuole perfezionarsi, può venire al lunedì dalle 17.15 alle 19, alla scuola bocce, completamente gratuita”.
Si tratta di uno sport vero e proprio, che comporta attività fisica: per arrivare a livelli alti bisogna essere atleticamente preparati e, per rendersene conto, basta vedere su YouTube i video di Simone e Matteo Mana, due campioni del mondo centallesi, che lanciano 50 bocce di seguito, di corsa. Il presidente della bocciofila, Franco Racca è soddisfatto: “Per me è un’ottima iniziativa – afferma – e spero che porti frutti nel tempo, e che magari qualcuno che non conosceva questo sport impari ad apprezzarlo”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com