ALBAAttualità

Alba pista ciclabile in Corso Europa: si farà un passo indietro?

 

La risposta è affermativa. Del resto questo era stato uno degli argomenti più cari alla coalizione del sindaco Carlo Bo in campagna elettorale.
Quello che ancora non è certo è come sarà rivista la situazione attuale. A fare chiarezza in merito serviranno 150mila euro che l’Amministrazione utilizzerà rispettivamente (40mila) per il rilevamento del corso e 110mila per i primissimi provvedimenti in materia di viabilità.
L’idea non piace all’opposizione che ha criticato merito e metodo del progetto attualmente in fieri.
«Le somme vincolate – ha sottolineato Rosanna Martini, ex assessore alla Viabilità – non consentiranno alcun intervento significativo sia in fase di studio che in fase operativa. Si tratta solamente di uno “zuccherino post elettorale” consegnato agli elettori».
Di diverso parere l’assessore al Bilancio che ha difeso il progetto. «Lo stanziamento – ha replicato Bruno Ferrero – è adeguato alla fase preliminare ai lavori e non è affatto uno zuccherino. Servirebbe ben altro per accontentare i tantissimi albesi a cui il nuovo assetto del corso non piace, è ritenuto molto pericoloso e troppo riduttivo della capacità di scorrimento che corso Europa consentiva in precedenza.
In ogni caso, i soldi servono proprio per capire al meglio come mettere mano al corso senza gettare via quanto già fatto cercando un compromesso. Certo però che tracciare una pista ciclabile accanto a un parcheggio e passare alla corsia unica non è stata una scelta apprezzata da moltissimi albesi».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button